Assad: "Il popolo siriano non dimenticherà mai il sacrificio di Soleimani nella lotta al terrorismo"

Assad: "Il popolo siriano non dimenticherà mai il sacrificio di Soleimani nella lotta al terrorismo"

Il presidente siriano Bashar al-Assad candanna l'assassinio del generale iraniano Soleimani e assicura che la Siria non dimenticherà mai il comandante della Resistenza per il suo sacrificio nella lotta al terrorismo nel paese arabo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Attraverso un messaggio, il presidente siriano ha condannato l' omicidio del comandante delle forze Quds  del Corpo dei guardiani della rivoluzione islamica (CGRI) dell'Iran, il generale Qasem Soleimani, in un attacco aereo da parte degli Stati Uniti a Baghdad, e inviato le condoglianze al leader della rivoluzione islamica dell'Iran, all'ayatollah Seyed Ali Khamenei e al popolo iraniano.


 
"Ho ricevuto con grande dolore la notizia del martirio di una stella dei comandanti della Resistenza, guidata dal generale Soleimani", si legge nella missiva.
 
Il presidente siriano, il cui paese, con il sostegno dell'Iran e di altri paesi come la Russia, ha combattuto i gruppi terroristici dal 2011, ha sottolineato che "i ricordi del martire Soleimani rimarranno sempre nelle menti dei siriani e che il popolo non dimenticherà mai Soleimani e il suo combattimento a fianco dell'esercito arabo siriano in difesa di questo paese contro il terrorismo ".
 
Al Assad ha sottolineato, inoltre, che "il martire Soleimani ha trascorso la sua vita al servizio del suo paese e dell'asse della Resistenza". "Sono fiducioso che questo crimine aumenterà la forza dell'asse della Resistenza per far fronte alle politiche distruttive degli Stati Uniti", ha concluso.
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti