Assad: Le guerre degli Usa sono solo per il dollaro e per favorire le loro compagnie

Assad: Le guerre degli Usa sono solo per il dollaro e per favorire le loro compagnie

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intervenendo all'Accademia Militare Superiore a Damasco il Presidente siriano Bashar al Assad ha avvertito, in primis che  "in questo mondo turbolento solo i paesi che hanno fermezza possono trovare un posto per se stessi, siano essi piccoli paesi che cercano un posto regionale nei propri interessi regionali o grandi paesi che cercano una posizione sulla scena internazionale".

Ha precisato che “la fermezza di cui sto parlando è fermezza positiva. Non ci è permesso stare fermi in senso negativo e difensivo, dobbiamo avanzare e passare alla fase offensiva, non dobbiamo aspettare che finisca la guerra per farlo”.

In un'altra parte del suo discorso, il presidente siriano ha richiamato l'attenzione sui milioni di dollari che il governo degli Stati Uniti ha speso per l'invasione militare dell'Iraq e dell'Afghanistan.

“Si dice che gli Stati Uniti abbiano speso un trilione di dollari in Iraq e un altro trilione di dollari in Afghanistan, potremmo chiedergli per cosa hanno speso quei trilioni? Li hanno dati al popolo iracheno? Hanno dato questi soldi al popolo afghano? No. Dette somme sono state spese per aziende statunitensi, fornendo armi e equipaggiamento militare vario", ha aggiunto.

In questo contesto, Assad ha ricordato che secondo la dottrina statunitense, le guerre significano il dollaro e serve gli interessi delle compagnie americane. Il comandante in capo dell'esercito e delle forze armate siriane sottolinea che bisogna vedere che dopo la sconfitta degli Stati Uniti in Afghanistan, Iraq, Somalia nel 1994 e Vietnam, ci saranno più guerre e più sconfitte.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti