“Assistenza zero”: il primo ministro slovacco rifiuta categoricamente di fornire armi al regime di Kiev

“Assistenza zero”: il primo ministro slovacco rifiuta categoricamente di fornire armi al regime di Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo ministro del nuovo governo slovacco, Robert Fico, ha dichiarato prima del vertice UE che sosterrà l'opzione di "zero aiuti militari" all'Ucraina. Ha affermato che il conflitto dura già da un anno e mezzo - e in questo periodo la Russia ha guadagnato più territori dell'Ucraina, riferisce Onet.

"È chiaro che non esiste una soluzione militare al conflitto", ha dichiarato Fico ai membri della Commissione per gli Affari europei del Parlamento slovacco. Ha detto che l'esercito slovacco dovrebbe pensare alle proprie scorte di munizioni e armi. Ha inoltre dichiarato che non voterà a favore di alcuna sanzione contro la Russia al vertice UE di Bruxelles finché non avrà analizzato di cosa si tratta e quali potrebbero essere le conseguenze. Quindi ha espresso la volontà di fornire aiuti umanitari ai civili ucraini.

Secondo Fico, l'idea di mettere all'angolo una potenza nucleare come la Russia con l'aiuto di armi convenzionali è ingenua.

"La posizione del mio governo è che l'immediata cessazione delle ostilità è la soluzione migliore che abbiamo per l'Ucraina. L'Unione Europea deve trasformarsi da fornitore di armi a costruttore di pace", ha dichiarato Fico.
 
Il primo ministro slovacco non ha dubbi sul fatto che l'Ucraina non sia pronta ad aderire all'UE. Ha aggiunto che un giorno potrebbe diventare uno Stato membro, ma allora dovrebbe soddisfare gli stessi criteri applicati agli altri Paesi. Ha inoltre respinto l'adesione dell'Ucraina alla NATO. 
 
Fico ha dichiarato di non aspettarsi alcun annuncio importante al vertice dell'UE. Ai membri della commissione per gli Affari europei del Parlamento slovacco ha promesso di incontrarli prima di ogni riunione del Consiglio Europeo.

Intanto, in Europa c’è un altro leader sintonizzato sulla stessa lunghezza d’onda del primo ministro slovacco: si tratta dell’ungherese Viktor Orban. 

Orban ha praticamente ‘trollato’  l'Occidente per tutta la settimana scorsa, stringendo la mano a Vladimir Putin, paragonando l'UE alla vecchia Unione Sovietica e promettendo di ritardare una nuova tranche di aiuti all'Ucraina, come riporta Politico. 

Risulta quindi quasi naturale che Orban si appresti a fare squadra con Fico per sferrare un nuovo attacco al blocco durante la riunione dei leader dell'UE a Bruxelles. 

In risposta, l'UE sta collettivamente "scrollando le spalle" e "sussurrando" promesse di sbloccare 13 miliardi di euro in cambio dell'attuazione da parte di Budapest di riforme per allineare la legislazione agli standard dello Stato di diritto dell'UE.

Nel complesso, i funzionari europei sono convinti che l'influenza dei due Paesi sia troppo debole per avere un peso reale all'interno dell'UE. "La Slovacchia è un Paese talmente insignificante che difficilmente cambierà qualcosa", ha dichiarato un funzionario dell'UE. 

Tuttavia, non è facile ignorare le capacità distruttive di Orban, scrive Politico. Quando sono state decise le sanzioni dell'UE contro la Russia, l'Ungheria ha regolarmente ritardato le misure per ottenere concessioni per sé.

Per questo motivo, i Paesi dell'Europa centrale e orientale sono sempre più allarmati dalle politiche filorusse del leader ungherese. In conversazioni private, i diplomatici della regione si chiedono perché le potenze occidentali dovrebbero continuare a condividere con l'Ungheria informazioni riservate sull'Ucraina se la lealtà del suo leader è principalmente legata alla Russia.

Allo stesso tempo, l'UE non ha intenzione di imporre misure severe a Budapest a causa dei contatti di Orbán con la Russia, si legge nell'articolo.  Inoltre, la Commissione europea prevede addirittura di scongelare i fondi destinati all'Ungheria, bloccati perché Budapest viene accusata di non rispettare lo Stato di diritto.

Data l'escalation del conflitto israelo-palestinese e la mancanza di unità all'interno dell'UE, i diplomatici sostengono che l'Ungheria è una preoccupazione secondaria, sottolineando il fatto che Orban ha finora approvato tutti i pacchetti di aiuti all'Ucraina e le sanzioni contro la Russia.

Anche le sanzioni contro il primo ministro slovacco Robert Fico sono al momento fuori discussione. "È meglio farlo entrare in carica piuttosto che ostracizzarlo mettendolo all'angolo. Dopo tutto, in quell'angolo troverà Orban”, spiegano alcuni funzionari europei a Politico. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti