Attacchi degli Houthi nel Mar Rosso: una “Guerra dello Yom Kippur 2.0”?

Attacchi degli Houthi nel Mar Rosso: una “Guerra dello Yom Kippur 2.0”?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giacomo Gabellini per l'AntiDiplomatico

 

Il 6 ottobre del 1973, le truppe siriane tra­volsero le linee di difesa israeliane stanziate nel Golan mentre l’e­sercito egiziano dotato di equipaggiamento sovietico attraversava il Canale di Suez. Lo Stato ebraico, impegnato nei festeggiamenti del­lo Yom Kippur, parve sorpreso dall’attacco congiunto siro-egizia­no nonostante l’offensiva fosse stata preceduta da evidenti segnali di profonda inquietudine provenienti dall’Egitto; Anwar al-Sadat aveva infatti espulso il personale tecnico sovietico compromettendo un’alleanza che aveva garantito al Paese sostegno di natura sia civi­le che militare, e successivamente organizzato manovre militari in prossimità della penisola del Sinai. Il Mossad e l’Aman avevano informato la premier Golda Meir della concreta prospettiva dell’ag­gressione e persino adombrato, gratificati dall’assenso dei generali Moshe Dayan, Israel Tal e David Elazar, la possibilità di sferrare un attacco preventivo, ma i loro consigli non furono seguiti.

Nel mo­mento in cui il fronte arabo sferrò l’offensiva, per di più, l’Arabia Saudita e i suoi alleati imposero il blocco degli approvvigionamenti di idro­carburi destinati agli Stati Uniti e all’Olanda – Rotterdam ospitava il principale porto petrolifero europeo. Con la supremazia aerea annullata dalla distruzione di oltre 200 caccia da parte degli eserciti nemici, Israele corse il serio rischio di capitolare, arrivando persino a valutare l’ipotesi di impiegare l’arma atomica di cui il Paese si era dotato nel corso degli anni precedenti.

Solo a quel punto gli Stati Uniti si decisero a soccorrere lo Stato ebraico, organizzando, nell’ambito dell’Operazione Nickel Grass, un ponte aereo finalizzato a trasferire presso lo Stato ebraico caccia, carri armati, munizioni e sistemi tecnologici di ultima generazione. Decine di cargo C-141 e C-5 rifornirono lo Stato ebraico del materiale necessario a porre le forze armate israeliane nelle condizioni di rovesciare l’inerzia del con­flitto. Di fronte alla controffensiva israeliana, i ministri dell’Energia di Arabia Saudita, Kuwait, Abu Dhabi, Iraq, Iran e Qatar misero in atto (16 ottobre) la strategia concordata presso l’hotel Hilton di Kuwait City implicante un primo aumento del prezzo di riferimento del petrolio da 3,01 a 5,11 dollari al barile, e una seconda rivalu­tazione che sarebbe stata attuata l’anno successivo. Quando, il 18 marzo 1974, i Paesi arabi revocarono l’embargo agli Stati Uniti, il petrolio aveva già in toccato quota 11,65 dollari per barile, con un aumento complessivo del 400% circa – tra il 1949 e il 1970, il prezzo del petrolio viaggiava su una media di 1,90 dollari per barile. I fautori dell’embargo chiarirono inoltre che avrebbero ridotto imme­diatamente la produzione del 5% rispetto ai livelli di settembre, e provveduto a un ulteriore taglio del 5% per ogni mese, finché le forze israeliane non si fossero ritirate da tutti i territori occupati nel giugno del 1967 e non avessero proceduto al pieno riconoscimento dei diritti del popolo palestinese.

L’attuale linea operativa adottata dagli Houthi nel Mar Rosso sembra orientarsi verso il medesimo obiettivo perseguito dall’Opec all’epoca della Guerra dello Yom Kippur: imporre ai Paesi occidentali un prezzo economico salatissimo per il loro sostegno a Israele. Le minacce portate alla libertà di navigazione nelle acque prospicienti il Canale di Suez dal gruppo yemenita intensificano automaticamente le pressioni rialziste sulla quotazione del petrolio, con ovvie ricadute inflazionistiche sui Paesi importatori di petrolio. E con la sostanziale complicità dell’Opec+. Significativamente, nessuno dei Paesi membri dell’organizzazione ha aderito all’operazione di pattugliamento delle acque del Mar Rosso promossa dagli Stati Uniti e denominata Prosperity Guardian. Spicca, in particolare, l’assenza di attori regionali di rilievo come Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, affermatisi anni addietro come protagonisti indiscussi della variegata coalizione internazionale intervenuta militarmente in Yemen proprio per debellare gli Houthi. Nonché dell’Egitto, altro membro di prim’ordine della coalizione e principale “perdente economico” delle operazioni condotte dagli Houthi, i cui attacchi hanno portato a un drastico ridimensionamento del traffico marittimo transitante attraverso il Canale di Suez. È presumibile che il generale al-Sisi abbia ottenuto la disponibilità dei suoi alleati saudita ed emiratino a versare congrui indennizzi, ricavabili attingendo ai consistenti surplus accumulati grazie all’incremento del prezzo del petrolio.

L’atteggiamento “collaborazionista” adottato dai Paesi cardine dello schieramento sunnita nei confronti della campagna di pirateria portata avanti dagli Houthi risulta perfettamente coerente con lo stravolgimento dei tradizionali equilibri regionali verificatosi nel corso degli ultimi tempi. Coniugandosi con la vittoria nella guerra siriana riportata dalle forze baathiste sostenute da Russia, Iran ed Hezbollah, il successo conseguito dagli Houthi ha rinforzato l’Asse della Resistenza, e indotto l’alleanza sunnita riconducibile al Consiglio per la Cooperazione del Golfo a varare una profonda riconsiderazione della propria dottrina operativa. Un cambio di registro sostanziale, culminato con la ripresa, concordata grazie alla media­zione cinese, delle relazioni diplomatiche tra Iran e Arabia Saudita, implicante la riapertura degli uffici di rappresentanza, la profusione di investimenti co­muni per la messa a regime dei giacimenti di gas nel Golfo Persico e l’assunzione congiunta dell’impegno a porre fine al conflitto yemenita. «L’accordoosser­va lo specialista Scott Ritter – promette di trasforma­re questa “mezzaluna di caos” in una “mezzaluna di stabilità”. Se implementata con successo, l’intesa potrebbe inaugurare una nuova era in cui la crescita economica soppianta il potere militare nella defini­zione del Medio Oriente».

L’osservazione formulata da Ritter trova riscon­tro nelle dichiarazioni dell’ex direttore del Mossad Efraim Halevy, secondo cui l’intesa tra Teheran e Riad forniva all’apparato dirigenziale di Tel Aviv l’opportunità per valutare «se per Israele sia giunto il mo­mento di perseguire una politica diversa nei confronti dell’Iran e, magari in modo intelligente e riservato, sondare la disponibilità a trovare un “riavvicinamen­to”». L’attenuazione dell’attrito tra Teheran e Riad svuota di significato il proget­to della “Nato mediorientale” di stampo anti-iraniano perseguito dall’amministrazione Trump mediante gli Accordi di Abramo, ponendo così le basi per la ripre­sa del dialogo tra il fronte saudita-emiratino e la Siria baathista e il reintegro di quest’ultima nella Lega Araba, favorita questa volta dall’intercessione rus­sa.

Secondo Peter Ford, ex ambasciatore britannico a Damasco, «è difficile sopravvalutare l’importanza della riammissione della Siria nella Lega Araba […]. Il significato va ben oltre la Siria stessa […]. Perdere la Siria è un danno. Ma perdere l’Arabia Saudita è disastroso e questo diventerà sempre più chiaro». A sua volta, l’attivismo moscovita ha favorito l’av­vio di un complesso programma di normalizzazione dei rapporti tra Siria da un lato e Turchia e Qatar dall’altro, i quali hanno simultaneamente ricucito lo strappo con l’Egitto causato dal colpo di Stato del generale al-Sisi e dalla repressione della Fratellanza Musulmana che ne era seguita.

Lo stemperamento generalizzato delle tensioni areali ha indotto per di più l’Emirato ad aderire, di concerto con altri grandi produttori come Russia e Turkmeni­stan, al progetto iraniano relativo alla trasformazione dell’area industriale di Asaluyeh in un hub del gas nel Golfo Persico. La proposta avanzata da Teheran po­trebbe verosimilmente indirizzarsi anche al Qatar, che oltre ad aver ripristinato le relazioni diplomatiche con Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti ha manifesta­to forte interesse per l’iniziativa russo-iraniana volta all’instaurazione di un cartello del gas ispirato all’Opec che favorisca il coordinamento tra i principali Paesi pro­duttori (Russia, Iran, Qatar e Turkmenistan) mantenen­do in equilibrio i loro interessi specifici. A sua volta, il Qatar ha siglato accordi pluridecennali con China Na­tional Petroleum Corporation e Sinopec per la fornitura di enormi quantità di Gnl alla Cina e l’instaurazione di joint-venture mirate alla valorizzazione di North Field, il più grande giacimento di gas al mondo.

Il meticoloso lavoro diplomatico svolto da Pechi­no e Mosca in Medio Oriente mira, osserva l’analista Agha Hussain, «a coinvolgere la regione del Golfo Persico e trasformarla in una testa di ponte funzio­nale ad irradiare l’influenza nella più ampia regione dell’Asia occidentale di Cina e Russia agevolando così i loro progetti di integrazione eurasiatica».

Il Medio Oriente sta, in altri termini, riorganizzandosi in autonomia e secondo modalità assolutamente incompatibili con la tutela degli interessi riconducibili al cosiddetto “Occidente collettivo”. Questo spiega sia l’irrequietezza di Israele, per il quale l’attenuazione dell’attrito che insanguina da secoli la fitna tra sunniti e sciiti rischia di pregiudicare la tenuta degli Accordi di Abramo, sia il tacito ma “trasversale” sostegno accordato da tutti gli attori regionali alle operazioni di pirateria condotte dagli Houthi nelle acque del Mar Rosso.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti