Attacco con i droni sull'Iran: cosa si sa finora?

Attacco con i droni sull'Iran: cosa si sa finora?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri notte si sono verificate una serie di esplosioni in strutture strategiche in Iran. 

I media israeliani hanno riferito di esplosioni nelle seguenti città in Iran: Karaj (vicino a Teheran); Khoi (provincia dell'Azarbaijan occidentale); Azershahr (nord-ovest) e Isfahan (al centro).

I media israeliani parlano di "operazione all'interno dell'Iran", riporta Al Arabiya senza fornire ulteriori dettagli. Finora né il governo israeliano né le autorità della repubblica islamica hanno confermato queste notizie.

Dove sono avvenute le esplosioni?

Una delle esplosioni  ha colpito  un centro di produzione di munizioni del ministero della Difesa iraniano, situato nella parte settentrionale della città di Isfahan. 

Il ministero degli Esteri iraniano ha precisato  che si tratta di un "attacco fallito" effettuato con microdroni. "Uno dei droni è stato abbattuto [...] dalla difesa aerea e gli altri due sono caduti in trappole difensive ed sono esplosi", ha dichiarato l'agenzia, aggiungendo che l'attacco non ha causato vittime ma "ha causato danni minori al tetto" della struttura.

I danni non hanno causato un'interruzione nel funzionamento del complesso, riferisce, dal suo canto, l'agenzia di stato ISNA .

Il ministero della Difesa iraniano non ha ancora attribuito la responsabilità a nessuno stato o gruppo terroristico.

La stessa notte è scoppiato un incendio anche nella città di Azershahr, dove le fiamme hanno avvolto un impianto di raffinazione di petrolio nella città industriale di Shahid Salimi. Sono attualmente in corso i lavori per spegnere l'incendio ed evitare che l'incendio si propaghi ad altre parti della piattaforma.

L'intenso aumento della temperatura ha fatto esplodere diversi serbatoi di petrolio. L'esplosione di olio bollente ha messo a dura prova le squadre di vigili del fuoco. Al momento non è stato fornito il numero delle vittime o dei feriti.

Mohammad Hanbar, direttore generale della gestione delle crisi della provincia dell'Azerbaigian orientale, ha affermato che la causa dell'incendio è oggetto di indagine e ha assicurato che la situazione è sotto controllo.

 

I media pro NATO in Italia ne furore bellicista della guerra in Ucraina hanno prima sostenuto e poi ipotizzato la vera ragione degli attacchi di questa notte in Iran.

Su Repubblica, ad esempio, nel titolo di apertura dell’articolo si stabilisce che l’attacco ha avuto luogo dove c’erano missili destinati alla Russia

Successivamente, cliccando, si mette un punto interrogativo.

Se fosse confermata tale circostanza, sarebbe ormai la terza guerra mondiale a tutti gli effetti. Circostanza che potrebbe saziare la furia e gli auspici bellici del media pro-NATO.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti