Bolivia, il momento dell'arresto della golpista Áñez

Bolivia, il momento dell'arresto della golpista Áñez

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex presidente "de facto'' della Bolivia, Jeanine Áñez, è stata arrestata questo sabato dalle autorità di Trinidad, capoluogo del dipartimento di Beni, compiendo il mandato di cattura contro di lei emesso sul caso del colpo di stato contro l'ex presidente Evo Morales, perpetrato nel novembre 2019.

La notizia è stata confermata dal ministro del Governo, Eduardo Del Castillo, tramite il suo account Twitter. "Informo il popolo boliviano che la signora Jeanine Añez è già stata arrestata ed è attualmente nelle mani della polizia", ha scritto .

Dopo il suo arresto,  Áñez ha denunciato di essere stata vittima di "abusi e persecuzioni politiche". "Denuncio alla Bolivia e al mondo, che in un atto di abuso e persecuzione politica il governo del MAS ha ordinato di arrestarmi.

Mi accusa di aver partecipato a un colpo di stato mai avvenuto. Le mie preghiere per la Bolivia e per tutti i boliviani",  ha scritto  l'ex presidente "de facto" nel suo account Twitter.

Il governo boliviano, da parte sua, ha assicurato che non esiste alcun tipo di "persecuzione politica" contro Áñez.

L'ufficio del procuratore dipartimentale di La Paz ha emesso mandati di arresto per i crimini di " terrorismo, sedizione e cospirazione " contro Áñez e i suoi ex ministri Arturo Murillo (governo); Luis Fernando López (Difesa); Álvaro Coimbra (giustizia); e Rodrigo Guzmán (Energías).

Allo stesso modo, Palmiro Jarjuri, che era comandante della Marina, ha ricevuto l'ordine di arresto, così come Jorge Gonzalo Terceros, ex comandante dell'aeronautica militare; e il generale Gonzalo Mendieta, ex comandante dell'esercito.

Mercoledì scorso, le autorità boliviane avevano arrestato Flavio Arce San Martín, che era in servizio come capo di stato maggiore dell'esercito boliviano al momento del colpo di stato contro Morales.

Mentre ieri mattina la Polizia ha eseguito i mandati di arresto nei confronti degli ex ministri Coimbra e Guzmán, detenuti a Trinidad, dipartimento di Beni, nella parte centro-settentrionale del Paese. 

L'indagine della Procura di La Paz  risponde a una denuncia presentata dall'ex vice Lidia Patty , che ha accusato l'opposizione Luis Fernando Camacho, nonché ex capi militari o di polizia, per gli eventi che hanno portato alle dimissioni di Morales.

Il colpo di stato del governo 

Dopo le elezioni del 20 ottobre 2019, in cui Evo Morales ottenne un vantaggio di  oltre 10 punti  sul suo principale contendente, Carlos Mesa, l'Organizzazione degli Stati americani (OAS) pubblicò un controverso rapporto preliminare sostenendo presunte irregolarità nel processo di voto, e il capo dell'organismo, Luis Almagro, fu chiamato ad annullare le elezioni. 

Tra le forti proteste in Bolivia dopo i risultati delle elezioni, Morales annunciò nuove elezioni. Tuttavia, le pressioni delle Forze Armate e della Polizia Nazionale lo costrinsero a dimettersi dalla Presidenza il 10 novembre 2019.

Dopo il colpo di stato, Morales fuggì in Messico per salvarsi la vita e Áñez, che a quel tempo era l'ex secondo vicepresidente del Senato boliviano, si  autoproclamò  presidente ad interim del Paese, in una sessione legislativa senza quorum. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti