Brasile, Lula denuncia la complicità di polizia e militari con i golpisti: "Molte persone delle Forze Armate hanno cospirato"

Brasile, Lula denuncia la complicità di polizia e militari con i golpisti: "Molte persone delle Forze Armate hanno cospirato"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Chi ha provato a derubricare i fatti di Brasilia come eventi quasi folkroristici realizzati da personaggi tutto sommato un po’ fuori di testa, forse ha sbagliato il tiro. Con il passare del tempo emergono sempre più dettagli che fanno pensare a un’azione ben studiata e preparata che aveva l’obiettivo di ribaltare il risultato delle elezioni per impedire che Lula tornasse alla presidenza del Brasile. 

Secondo quanto affermato da Lula ci sarebbe state complicità nelle forze dell’ordine. "Sono convinto che la porta del Palazzo del Planalto sia stata aperta per far entrare le persone, perché non ci sono porte rotte", ha dichiarato Luiz Inácio Lula da Silva durante la sua prima colazione con i giornalisti nella capitale.

"Significa che qualcuno ha facilitato il loro ingresso qui", ha aggiunto, e ha anticipato che condurrà un'indagine approfondita su chi sono gli uomini in uniforme che hanno facilitato le azioni violente nelle tre sedi dei poteri pubblici di Brasilia. 

"Molte persone delle Forze Armate hanno cospirato qui dentro. La verità è che il palazzo era pieno di bolsonaristi, di militari, e vogliamo vedere se possiamo correggere la situazione per mettere in carriera i funzionari pubblici, preferibilmente civili, o quelli che erano qui prima o che sono stati sospesi, in modo che questo diventi un gabinetto civile”. 

Ha poi affermato che l'ex presidente Jair Bolsonaro soffre di uno "squilibrio mentale”, aggiungendo: “È un genocida che, dopo aver perso le elezioni, si è chiuso in casa e ha smesso di governare".

Nel frattempo, Lula ha rafforzato la sicurezza per fronteggiare eventuali nuovi attacchi. 

Tutte le forze di sicurezza pubblica sono state mobilitate e la sorveglianza degli edifici pubblici è stata raddoppiata. Il governo di Lula ha eretto "barriere" e "posti di blocco" intorno al palazzo presidenziale.

Le autorità stanno indagando su chi ha organizzato e come sono stati finanziati i manifestanti. Hanno inoltre arrestato più di 1.500 persone dopo atti di vandalismo che hanno ricordato l'invasione del Campidoglio a Washington il 6 gennaio 2021 da parte dei sostenitori dell'allora presidente Donald Trump.

Per il leader della sinistra, c'erano "molte persone" della Polizia Militare del Distretto Federale e delle Forze Armate che erano “collusi” con i criminali.

Dopo gli attentati, Lula ha firmato un decreto che stabilisce l'intervento federale per la sicurezza pubblica nel Distretto Federale, una misura che è stata poi approvata da deputati e senatori.

In questo contesto, il governatore del Distretto Federale, Ibaneis Rocha, è stato sospeso dall'incarico per 90 giorni.

Riguardo alle prime misure da adottare, Lula ha detto che "è necessario far pagare più tasse ai più ricchi che ai più poveri", e ha puntato il dito contro il mercato: "Non ha cuore, non ha sensibilità, non ha umanesimo".

Identificati i presunti finanziatori dell'assalto a Brasilia

La Procura Generale del Brasile (AGU) ha presentato giovedì una richiesta al Tribunale Federale Distrettuale per congelare 6,5 milioni di reais in beni di 52 persone e sette società identificate come presunti finanziatori dell'assalto agli edifici pubblici della capitale, Brasilia, durante le manifestazioni golpiste di domenica scorsa.

L'ente governativo ha chiesto che l'importo bloccato possa essere utilizzato per compensare i danni materiali causati dai golpisti. 

Il documento emesso dall'AGU afferma che questi individui ed entità avrebbero finanziato gli autobus che hanno portato gli aspiranti golpisti a Brasilia.

"L'elenco degli obiettivi del blocco - che comprende beni immobili, veicoli, attività finanziarie in conti e altri beni - è stato redatto con l'aiuto dei dati dell'Agenzia nazionale dei trasporti terrestri (ANTT) e comprende solo coloro che hanno noleggiato gli autobus sequestrati che trasportavano persone che hanno preso parte alle azioni golpiste", ha dichiarato l'AGU in un comunicato.

I finanziatori dovranno risarcire i danni alle opere d'arte e ad altre infrastrutture edilizie, da cui la decisione di congelare i fondi.

Il querelante tiene conto di una stima fatta dal Senato e dalla Camera dei Deputati, secondo cui il danno al patrimonio di entrambi gli organi supera i tre milioni di reais ciascuno.

Tuttavia, per ora non ci sono stime sul valore della distruzione del Palácio do Planalto e della Corte Suprema Federale.

L'AGU ha inoltre assicurato che il blocco dei beni è commisurato alla gravità degli atti commessi.

Bozza di decreto per ribaltare i risultati delle elezioni brasiliane 

Una prova fortissima delle intenzioni golpiste dell’estrema destra porta a casa di un ex ministro del governo Bolsonaro. La Polizia federale brasiliana ha trovato nell'abitazione di Anderson Torres, ex capo del Ministero della Giustizia e della Pubblica Sicurezza (MJSP) del governo di Jair Bolsonaro, quella che sarebbe una bozza di stato di difesa da decretare presso la sede del Tribunale Superiore Elettorale (TSE), al fine di modificare i risultati delle elezioni generali in cui ha vinto Luiz Inácio Lula da Silva. 

Secondo il quotidiano Folha de Sao Paulo, il documento è stato trovato in un armadio della casa di Torres a Brasilia durante una perquisizione avvenuta martedì. Il documento afferma la necessità di indagare su presunti abusi di potere, sospetti e misure legali adottate dal presidente del TSE prima, durante o dopo il processo elettorale.

In particolare, la bozza prevede l'immediata ripetizione della contesa elettorale e la correzione delle elezioni del 2022, in cui Bolsonaro è stato sconfitto, secondo le fonti del giornale. 

La Costituzione brasiliana stabilisce che il Presidente può decretare lo stato di difesa per "preservare o ripristinare prontamente, in luoghi circoscritti e determinati, l'ordine pubblico o la pace sociale minacciati da una grave e imminente instabilità istituzionale o colpiti da calamità di grande portata". 

Da parte sua, Torres ha usato il suo account Twitter per offrire una spiegazione.

"A casa mia c'era una pila di documenti da smaltire, dove molto probabilmente è stato trovato il materiale descritto nell'articolo. Tutto sarebbe stato portato al MJSP per essere distrutto a tempo debito", ha scritto. 

Ha inoltre sostenuto che la bozza è "trapelata fuori contesto", il che "ha contribuito ad alimentare narrazioni fallaci contro di me".

Torres era il segretario generale della Pubblica Sicurezza del Distretto Federale quando, domenica, una folla di sostenitori estremisti di Bolsonaro ha preso d'assalto e vandalizzato il Palazzo del Planalto, sede del Congresso e della Corte Suprema. La sera stessa è stato licenziato dal governatore Ibaneis Rocha. 

Nel frattempo, martedì scorso, il giudice Alexandre de Moraes, del Tribunale Supremo Federale (STF), ha ordinato l'arresto di Torres per la sua negligenza e possibile complicità negli atti golpisti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti