Cade la bufala Skripal. E la propaganda riparte con quella del Boeing malese MH17

Cade la bufala Skripal. E la propaganda riparte con quella del Boeing malese MH17

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 


di Fabrizio Poggi

 

Riesce difficile pensare a casualità o pura coincidenza: due giorni prima del 4° anniversario del terroristico attacco ucraino all'aeroporto di Donetsk, il 26 maggio 2014, da molti considerato l'inizio vero e proprio dell'aggressione di Kiev al Donbass, la cosiddetta “commissione internazionale” d'inchiesta, per bocca dei rappresentanti australiano e olandese, ha accusato Mosca dell'abbattimento, sopra il Donbass, del Boeing civile MH17 sulla rotta Amsterdam-Kuala Lumpur, nel luglio 2014. Dopo silenzi, insinuazioni, rifiuti di prendere in considerazione qualsiasi ipotesi che contraddicesse la “tesi” evidentemente stabilita sin dall'inizio, la commissione composta da rappresentanti australiani, belgi, malesi, olandesi e ucraini ha reso pubbliche il 24 maggio scorso le conclusioni ufficiali dell'indagine: il razzo “Buk” che abbatté l'areo civile malese non era ucraino, ma era senz'altro russo.
 

Immediatamente dopo la sparata australiana, NATO e UE (ma davvero?!) si sono unite all'accusa contro la Russia e il solito Boris Johnson, Ministro degli esteri britannico, ha sentenziato che Mosca deve fornire spiegazioni e non sfuggirà alle proprie responsabilità.
 

L'ambasciatore russo in Australia, Grigorij Logvinov, definendo la tesi australiana “una sporca provocazione”, ha detto di ritenere che il capo del governo Malcolm Turnbull e Ministro degli esteri Julie Bishop sostengano un'accusa "più che controversa", esigendo da Mosca un atto di "pentimento”, oltre al risarcimento per i familiari delle 298 vittime. Logvinov ha dichiarato che la cosiddetta “indagine” è stata condotta quasi solamente sulla base di “notizie” ricavate dai social network e da alcune ONG già ampiamente screditate, mentre sin dall'inizio sono state respinte le proposte russe di indagini congiunte: tutto ciò, ha detto, si inserisce nella scia delle accuse mai provate quali il caso Skripal, il “dossier chimico” siriano, i pretesti addotti per gli attacchi a Jugoslavia, Iraq, Libia.  E, comunque, scrive la TASS, Logvinov ha ribadito che Mosca rimane pronta a collaborare all'inchiesta, ricordando l'esempio dell'altro Boeing malese, sulla rotta MH370 Kuala Lumpur-Pechino, scomparso nell'Oceano Indiano nel marzo 2014. E' significativo, ha detto l'ambasciatore russo, che le indagini sul volo MN370 siano state riaperte, dopo le conclusioni di nuovi esperti che documentano i possibili errori della precedente inchiesta internazionale; mentre non si avanzano dubbi sulla tragedia del MH17 ".


Anche il Ministero della difesa russo ha respinto ogni addebito, ribadendo l'inverosimilità della “tesi” secondo cui un sistema terra-aria russo sarebbe transitato avanti e indietro tra i territori russo e ucraino.
 

E' il caso di ricordare come, già sin dagli inizi dell'indagine, i tecnici dell'industria “Almaz-Antej”, produttrice del sistema d’arma ritenuto responsabile dell’abbattimento del Boeing malese, abbiano più volte ricordato le ricostruzioni da loro presentate, ribadendo che, secondo i loro studi, nel caso del Boeing MH17, si sarebbe trattato di un razzo da anni non più in servizio alle forze armate russe e invece tuttora in uso tra quelle ucraine. In questo senso, come ignorare che, in quattro anni di “indagini”, ogni altra ipotesi difforme dalle tesi favorevoli a Kiev o a Washington sia stata semplicemente scartata?
 

Pacata la replica del Ministro degli esteri russo all'uscita olandese-australiana: già il 25 maggio, Sergei Lavrov ha ribadito la disponibilità di Mosca a partecipare alla commissione d'indagine congiunta, in modo che l'inchiesta sia “equa e trasparente”. “Se gli olandesi hanno deciso di speculare sul tema del Boeing MH17 per qualche obiettivo politico”, ha detto Lavrov, “ciò rimarrà sulla loro coscienza”. Il Ministro russo, da poco confermato nella carica con l'insediamento del nuovo governo Medvedev, ha aggiunto che Mosca ha fornito ai Paesi Bassi "dati dettagliati e molte informazioni fattuali, compresi i dati primari dei radar, rispondendo a tutte le domande della procura olandese"; dati e informazioni che la commissione internazionale ha pressoché completamente ignorato.

Non privo di significato il fatto che, nei periodi più caldi dell'aggressione ucraina al Donbass, le accuse internazionali sulle responsabilità della tragedia si indirizzassero, per la maggior parte, contro le milizie popolari della DNR: dopo esser stato colpito, infatti, il Boeing era poi precipitato nell'area del villaggio di Grabovo, poco sopra Torez, una settantina di km a est di Donetsk. Ora che i media ufficiali, nonostante il proseguimento dell'aggressione di Kiev e le vittime civili che continuano a rimanere sotto le bombe ucraine, tendono a ignorare la sorte del Donbass, molto più comodo addossare ogni responsabilità su Mosca che, nella vulgata NATO e UE, è la diretta responsabile della “invasione del territorio ucraino”.

Non è difficile intravedere la mano di Washington, ufficialmente “neutrale” sulla questione del Boeing, intenta a tenere i microfoni di Amsterdam e Canberra.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti