Caracas denuncia una campagna contro il Venezuela promossa da Exxon Mobil e Guyana

Caracas denuncia una campagna contro il Venezuela promossa da Exxon Mobil e Guyana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Repubblica Bolivariana del Venezuela ha denunciato questa alla comunità internazionale una campagna promossa dalla Exxon Mobil, con l'appoggio del governo della Guyana, contro il Paese sudamericano.

Attraverso il suo account sul social network X, il ministro degli Esteri, Yván Gil, ha denunciato che questa campagna mira a distorcere "l'obbligo costituzionale dello Stato venezuelano di stabilire una politica globale, nelle zone di confine terrestri, insulari e marittime, per preservare, attraverso le Forze armate nazionali bolivariane, la sua integrità territoriale, la sovranità nazionale e la difesa della patria".

Allo stesso modo, è stato denunciato che il presidente della Exxon Mobil, Alistair Routledge "ha osato esprimere giudizi minacciosi, rallegrandosi della presenza di potenze militari in un mare non delimitato, dove hanno ricevuto concessioni petrolifere illegali, alcune delle quali situate in una zona marittima incontrovertibilmente venezuelana".

Le continue minacce della Exxon Mobil "costituiscono un'aggressione che cerca di destabilizzare la regione", inoltre sono contrarie agli accordi di Argyle, firmati lo scorso dicembre a Saint Vincent e Grenadine, con la presenza di rappresentanti della Caricom e della Celac.

Questo il comunicato della Repubblica Bolivariana del Venezuela

La Repubblica Bolivariana del Venezuela denuncia, di fronte alla comunità internazionale, la campagna malevola preparata e finanziata dalla Exxon Mobil, sostenuta dal governo della Repubblica Cooperativa della Guyana, contro l'obbligo costituzionale dello Stato venezuelano di stabilire una politica globale, nelle zone di confine terrestri, insulari e marittime, per preservare, attraverso le Forze Armate Nazionali Bolivariane, la propria integrità territoriale, la sovranità nazionale e la difesa della patria.

Questa campagna non è altro che un espediente per sfuggire alla responsabilità delle scandalose dichiarazioni del suo presidente, Alistair Routledge, che, oltre a sostituirsi alla sovranità della Guyana, ha osato esprimere giudizi minacciosi, rallegrandosi della presenza di potenze militari in un mare non delimitato, dove hanno ricevuto concessioni petrolifere illegali, alcune delle quali situate in una zona marittima incontrovertibilmente venezuelana.

Il Venezuela chiarisce alla Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac) che le azioni della Exxon Mobil e del governo della Guyana contravvengono ai principi fondamentali del diritto internazionale e costituiscono un'aggressione che cerca di destabilizzare la regione, violando i recenti accordi raggiunti ad Argyle, San Vincenzo e Grenadine, e che si aggiungono alla costante retorica provocatoria, accompagnata dalle ricorrenti dichiarazioni dei portavoce del Dipartimento della Difesa e del Comando Sud degli Stati Uniti, che hanno preso residenza permanente in Guyana.

La Repubblica Bolivariana del Venezuela si riserva il diritto di intraprendere azioni diplomatiche e tutte le azioni nell'ambito del diritto internazionale per far valere i propri diritti ed esorta la Repubblica Cooperativa di Guyana ad assumere i propri impegni, in particolare quelli contenuti nell'Accordo di Ginevra del 1966, unico strumento valido tra le parti per trovare una soluzione alla disputa territoriale tra i due Paesi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti