Che ci fa il sindaco PD di Siena sul sidecar nazista?

Che ci fa il sindaco PD di Siena sul sidecar nazista?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dal pieno sostegno ai neo-nazisti ucraini che hanno preso il potere con il golpe del 2014, ai nuovi Pinochet dell'America Latina a cui vengono aperte le porte del Nazareno, tanti sono i casi di derive di estrema destra del PD.



Eppure il partito che si autodefinisce “democratico” riesce ancora a sorprenderci.

Protagonista è Bruno Valentini, il sindaco di quella città che più di tutte testimonia sulla sua pelle il dramma di un’amministrazione PD, Siena. 



Per far arrivare il messaggio che per le prossime primarie personali e di Renzi (di renziano trattasi) è già carico, su Facebook il Valentini scrive:



Bruno Valentini si fa ritrarre con un sidecar con simbolo runico della SS-Panzer-Division ‘Das Reich‘ e del Battaglione nazista ucraino "Azov".

Alle persone che sotto il suo post commentano indignati, Valentini precisa ancora più incredibilmente: “Direi che questo dibattito (e queste liti a distanza) è durato anche troppo. Quando ho visto quel sidecar sono rimasto stupito dall'accuratezza della ricostruzione, senza collegare quei simboli a nessun esercito in particolare. Mi sembravano addiritturi americani”.

Il simbolo in effetti lascia molto spazio alla fantasia. Ma per il sindaco del Partito che non si è accorto del buco di bilancio del Montepaschi Siena, possiamo comprendere la difficoltà.

Una reazione c’è stata sulla stampa senese sull’accaudto, non arrivando però abbastanza incredibilmente a quella nazionale. Dal Corriere di Siena, che cerca anche in modo imbarazzato e imbarazzante di minimizzare l’accaduto come una boutade di un allegrotto sprovveduto, apprendiamo poi che la persona accanto al sindaco è tal Andrea Chesi. Il Corriere di Siene lo descrive: “appassionato collezionista”. Una rapidissima ricerca ci mostra che si tratta anche qualcosa di più: ex candidato di AN provinciale, che su Facebook ama iscriversi a gruppi che inneggiano al “Ventennio fascista” e alla figura di Benito Mussolini.

Questo dalla sua pagina Facebook:




Il sindaco Valentini sul Chesi scrive: “Nel caso in oggetto, conosco solo di vista il conducente-collezionista. Se ho capito quello che si scrive di lui, non abbiamo certo le medesime opinioni, ma non ce lo vedo come pericoloso estremista o sovversivo.” 

Non dovendo certo ricordare al sindaco cosa siano state le SS, è utile rinfrescare la memoria sul Battaglione Azov di nazisti ucraini:





Il battaglione Azov è responsabile di indicibili crimini contro l’umanità e di guerra nelle regioni orientali dell’Ucraina. Crimini che proseguono anche in queste ore. Valentini, indirettamente o meno, ha con quella foto solo testimoniato una vicinanza politica che nei fatti è iniziata dal colpo di stato del febbraio 2014.

La Redazione

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti