Chi è Roman Protasevich, l'oppositore bielorusso vicino ai nazisti ucraini?

Chi è Roman Protasevich, l'oppositore bielorusso vicino ai nazisti ucraini?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La vicenda dell’aereo di linea della Ryanair diretto a Vilnius, atterrato a Minsk per un allarme bomba e il successivo arresto dell’oppositore che vi viaggiava, Romat Protasevich, ha fatto molto rumore. Come mai era accaduto in passato per questioni analoghe. 

Chi è Roman Protasevich?

L’oppositore bielorusso arrestato a bordo del volo diretto a Vilnius è un giornalista, almeno ufficialmente. Editore di Belamova, un canale Telegram fondato lo scorso anno da Igor Losik, un consulente per l'organizzazione mediatica statale statunitense RFE/RL. Belamova è stato messo fuori legge il mese scorso, dopo che un tribunale nella città bielorussa orientale di Gomel l'ha dichiarato un'organizzazione "estremista". Losik è stato arrestato la scorsa estate nella sua città natale di Baranavichy, e si trova attualmente in prigione.

Romat Protasevich in precedenza ha lavorato direttamente per il canale di propaganda finanziato da Washington, che sostiene gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti nell'Europa centrale e orientale.

L'anno scorso, è stato impiegato come redattore capo del popolare canale di opposizione Telegram Nexta Live, con sede in Polonia, che il governo aveva precedentemente dichiarato estremista. A novembre è stato inserito in una lista internazionale di ricercati dalle autorità bielorusse, accusate di aver contribuito a organizzare proteste anti-governative dopo le elezioni presidenziali della scorsa estate e di "incitare all'ostilità sociale e alla discordia".

Ma non si limita al campo mediatico l’attività dell’oppositore bielorusso. Come scrive Foia Research “Roman Protasevich è uno degli agenti chiave per il cambio di regime nella rivoluzione colorata bielorussa del 2020. Il suo nome è apparso nel contesto di un canale Telegram chiamato Nexta che dall'oggi al domani è diventato la voce dell'opposizione bielorussa”.

Protasevich risulta aver avuto un ruolo in prima linea nei famigerati fatti di Maidan: “Protasevich ha partecipato alle proteste di Maidan a Kiev 2013/2014, come mostra una foto su Facebook, dove, vestito con la bandiera di uno Stato popolare bielorusso, sta prendendo parte alla distruzione di una statua di Lenin”.

Inoltre Foia Research evidenzia il background neonazista e anticomunista di Protasevich. È un simpatizzante del distaccamento Pahonia, una milizia bielorussa che ha combattuto a fianco del battaglione neonazista Azov nella guerra civile ucraina post-Maidan.

Il gruppo si definisce sul social network Twitter come "un'organizzazione non governativa che aiuta i volontari bielorussi in Ucraina”. 

Nel 2017 il giornalista di opposizione lo troviamo impegnato a documentare le manifestazioni di protesta in Bielorussia, con grande “entusiasmo” evidenzia Foia. 

Lo ritroviamo poi a Washington nell’aprile del 2018. Il 23 aprile 2018 pubblica una foto con scritto: “Inizia la settimana più importante della mia vita”. Nella stessa giornata alcune immagini lo ritraggono all’interno del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, e afferma: “Non ho mai avuto così tanti incontri importanti e interessanti in vita mia. Stanco ma molto contento”. 

Secondo la sua pagina Facebook, ha iniziato a lavorare per la radio supportata da USAID in Bielorussia Euroradio.fm il 31 agosto 2018, per poi comunicare il termine di questa collaborazione nel dicembre del 2019. 

Nel febbraio 2020, Protasevich annuncia di aver iniziato a lavorare per Nexta Telegram sul canale polacco-bielorusso Belsat. Secondo quanto scrive la BCC, Nexta sarebbe partito come canale YouTube anti-Lukashenko creato da un adolescente bielorusso, Stepan Putila, noto anche come Stepan Svetlov, nel 2015. Secondo Strana.ua: "In Bielorussia, il canale è diventato famoso per le informazioni privilegiate del Ministero degli Affari Interni della Repubblica”. Ancora la BCC scrive che la popolare app di messaggistica di Telegram chiamata Nexta... è riuscita a bypassare molte delle restrizioni". Foia Research crede che Nexta abbia riscosso successo perché il canale fino a quel momento praticamente sconosciuto viene diretto e gestito dall’estero, segnatamente dalla Polonia, dove risiedono Protasevich e Putila. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti