Cina, perché il presidente Xi Jinping esorta i marines cinesi a preparasi alla guerra?

Cina, perché il presidente Xi Jinping esorta i marines cinesi a preparasi alla guerra?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Cina si trova ad affrontare numerose minacce. Dalla nuova guerra fredda scatenata dagli Stati Uniti alle minacce militari. E’ di qualche giorno fa, ad esempio, la notizia che Washington ha intenzione di armare fino ai denti Taiwan. Il Giappone vuole incrementare la sua flotta di caccia F-35 dotati di tecnologia stealth. Sono per citare le due notizie più recenti. 

 

Non sembra quindi particolarmente stupefacente che il presidente Xi Jinping abbia invitato i soldati a concentrarsi sulla "preparazione alla guerra" durante la sua recente visita a una base militare del Corpo dei Marines nella provincia del Guangdong, secondo quanto riportato dai media locali. Diversi analisti ritengono che queste dichiarazioni del leader cinese siano piuttosto serie.

 

"Dovete concentrare tutti i vostri pensieri e le vostre forze sulla preparazione per una guerra e sul mantenimento di uno stato di massima allerta", ha affermato Xi Jinping come riporta l’agenzia Xinhua.

Il presidente ha sottolineato che i Marines sono un'unità d'élite che mira a proteggere la sovranità, la sicurezza, l'integrità territoriale e gli interessi dello Stato all'estero.

 

"È necessario preservare l'assoluta leadership del Partito sull'Esercito, osservare pienamente la rigida disciplina del Partito e dell'Esercito, garantire l'assoluta lealtà dell'Esercito, la sua impeccabilità e affidabilità", ha sottolineato Xi Jinping.

 

Inoltre, il presidente cinese ha chiesto di sviluppare le migliori tradizioni per trasferire il "gene rosso" alle generazioni future, per formare una cultura di un tipo speciale nelle truppe, per coltivare un morale che non abbia paura delle difficoltà e della morte, e per fornire all'esercito il "potere della tigre".

 

Secondo l'analista politico russo Andrei Gubin, le dichiarazioni di Xi Jinping sono piuttosto serie.

 

"Probabilmente esprimono tutte le preoccupazioni che le autorità cinesi nutrono per la situazione internazionale e la situazione intorno alla Cina. Ciò include lo Stretto di Taiwan, il confine con l'India e il Mar Cinese Meridionale, nonché il contesto generale di rapporti con gli Stati Uniti”, ha dichiarato l’esperto a Sputnik. Gubin ha inoltre ricordato come i detrattori occidentali della Cina vogliano internazionalizzare i problemi di Hong Kong, che invece costituiscono una questione interna alla Cina.

 

Un altro aspetto importante è la reazione dei paesi vicini alla Cina alle dichiarazioni di Xi Jinping.

 

"Se parliamo di Giappone e Corea, sicuramente sono diventati tesi, perché sono alleati degli Stati Uniti. Ma sia Seoul che Tokyo cercano di costruire un rapporto con Pechino da sole, e talvolta non totalmente dipendenti dagli alleati nordamericani. Quindi sono ovviamente preoccupati, ma cercheranno di risolvere da soli alcune delle loro divergenze con Pechino".

 

Per quanto riguarda la Russia, l'esperto ha osservato che il paese "è anche in uno stato di maggiore allerta a causa della crescente pressione internazionale".

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità di Gilberto Trombetta L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente di Paolo Pioppi Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica