CNN- Biden fa marcia indietro sulla “punizione” all’Arabia Saudita

CNN- Biden fa marcia indietro sulla “punizione” all’Arabia Saudita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un articolo pubblicato  ieri dalla CNN è emerso che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden avrebbe fatto un'inversione di marcia rispetto alle precedenti minacce di "punire" l'Arabia Saudita per la sua decisione di tagliare la produzione globale di petrolio di 2 milioni di barili al giorno (bpd) nell'ottobre 2022. 

Ciò avviene mesi dopo che la Casa Bianca aveva annunciato significative "conseguenze" in risposta alla decisione dell'OPEC+ di tagliare la produzione globale di petrolio. 

La CNN cita diverse fonti anonime di Capitol Hill e della Casa Bianca le quali precisano che il presidente Biden non ha più interesse a dare seguito a queste minacce.

Le stesse fonti hanno aggiunto che i funzionari stanno "eludendo la rivalutazione" del rapporto USA-Arabia Saudita, nonostante i precedenti appelli della Casa Bianca per una "revisione coordinata".

"C'è solo tanta pazienza che si può avere quando si chiede una conversazione da quattro mesi", ha spiegato una delle fonti alla CNN.

Tuttavia, la CNN ha evidenziato che alcuni funzionari sono rimasti frustrati dal cambio di tono di Biden verso l'Arabia Saudita e MbS, citando preoccupazioni per la mancanza di conseguenze nonostante i bassi prezzi dell'energia.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby aveva dichiarato la scorsa settimana che l'amministrazione stava ancora rivedendo lo stato delle relazioni USA-Arabia Saudita per determinare se il rapporto è "nei nostri migliori interessi di sicurezza nazionale".

Il 5 ottobre, l'addetto stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre aveva accusato l'OPEC+ di "allinearsi con la Russia", lamentando che la loro decisione "è miope mentre l'economia globale sta affrontando il continuo impatto negativo dell'invasione [russa] dell'Ucraina".

Il 12 ottobre, il presidente Joe Biden aveva poi rincarato la dose: "Ci saranno alcune conseguenze per quello che hanno fatto con la Russia".

All'inizio dell'anno, il Senato degli Stati Uniti ha approvato il No Oil Producing and Exporting Cartels Act (NOPEC), che potrebbe portare gli Stati membri dell'OPEC e i loro partner a cause antitrust per "orchestrare tagli all'offerta che aumentano i prezzi globali del greggio".

Tuttavia, all'epoca, il ministro del petrolio saudita, il principe Abdul Aziz bin Salman, difese il taglio della produzione. Infatti, respinse i suggerimenti secondo cui il cartello stava usando l'energia come "arma" abbassando la produzione di petrolio.

"Mostrami dov'è l'atto di belligeranza", aveva detto, aggiungendo che i mercati dell'energia richiedevano "una guida senza la quale gli investimenti non avrebbero avuto luogo".

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti