ALBA LATINA/Come Cuba sta guidando il mondo nella lotta contro il coronavirus

Come Cuba sta guidando il mondo nella lotta contro il coronavirus

 


di Alan Macleod - MintPress News
 

Mentre il governo degli Stati Uniti sta complicando gli sforzi nel trattamento del coronavirus in tutto il mondo e sta usando la pandemia per aumentare la pressione sui paesi già in lotta con le sanzioni statunitensi, tra cui Iran, Siria e Venezuela, la piccola isola di Cuba, anch'essa bersaglio dell'ira di Washington, sta guidando la lotta contro la diffusione di COVID-19.

 

E mentre l'amministrazione Trump taglia il budget del Center for Disease Control nonostante una imminente pandemia, la Cina sembra aver affrontato con successo l’epidemia di coronavirus. Pechino ha riportato solo 16 nuovi casi di virus oggi, e ora ci sono più casi totali al di fuori della Cina continentale che al suo interno.

 

Parte integrante nella riduzione del numero di decessi è un farmaco antivirale cubano, Interferone Alpha 2b. Il farmaco, secondo lo specialista cubano di biotecnologie Dr. Luis Herrera Martinez, "previene l'aggravamento e le complicanze nei pazienti, che fanno raggiungere quella fase che alla fine può portare alla morte". È stato prodotto in Cina dal 2003 in collaborazione con l'industria farmaceutica cubana di proprietà statale. Gli interferoni stanno "segnalando" le proteine, spiega la dott.ssa Helen Yaffe dell'Università di Glasgow, esperta di Cuba. Queste proteine sono prodotte e rilasciate dall'organismo in risposta alle infezioni e avvisano le cellule vicine di aumentare le loro difese antivirali. Non è una cura o un vaccino per COVID-19, ma piuttosto un antivirale che rinforza il sistema immunitario umano.

 

Cuba lo ha usato per combattere i focolai della febbre dengue, un evento comune sull'isola afflitta dalle zanzare. Il governo di Castro fu costretto a sviluppare una forte industria farmaceutica a causa del costante embargo statunitense. Cuba stima che le sanzioni decennali, continuamente dichiarate illegali dalle Nazioni Unite, siano costate oltre $ 750 miliardi.

 

Oggi, il governo cubano ha offerto rifugio alla nave da crociera abbandonata, MS Braemar. La nave ha a bordo cinque casi confermati di COVID-19 ed è stata respinta sia dalle Barbados che dalle Bahamas.

 

Nonostante abbia i suoi primi casi confermati, l'isola continua ad esportare professionisti del settore medico nel resto del mondo. Ieri, il ministro della salute giamaicano Christopher Tufton ha annunciato che sarebbero arrivate 21 infermieri dal suo vicino, i primi di oltre 100, si augura. Ma ha anche inviato medici in nazioni più avanzate, come l'Italia (in realtà come spiegato in questa nota dell'ambasciata di Cuba in Italia c'è stata una richiesta da parte della Lombardia ma i medici cubani attualmente non operano in Italia NdR).

 

Sarpoma Sefa-Boakye, un medico ghanese-americano che ha studiato gratuitamente a L'Avana e che ora pratica in California ha affermato a MintPress: "Non si sente parlare dei contributi sanitari di Cuba negli Stati Uniti", affermando che ci sono più medici cubani in Africa che Medici africani e che l'isola caraibica forma più africani in medicina di tutta l'Africa. Ha sentito parlare per la prima volta della possibilità di borse di studio per gli americani mentre studiava in Ghana. Rileva che Cuba è ben posizionata per combattere il coronavirus a causa della sua cultura di quarantena per i virus e della sua esperienza nella lotta contro la Dengue.

 

Nonostante i test inadeguati, gli Stati Uniti hanno oltre 4.000 casi confermati di COVID-19. Non c'è stato un piano centralizzato da parte del governo; invece, diverse autorità hanno emanato leggi diverse, con vari gradi di gravità. New York City, per esempio, andrà in blocco domani, chiudendo tutte le scuole, le università e i negozi non essenziali. D'altra parte, altre città rimangono quasi completamente normali.

 

Il dottor Sefa-Boakye ha avvertito che sono urgentemente necessarie misure rigorose per combattere la diffusione del virus: "La quarantena deve essere l'unico modo per ottenere una sospensione della trasmissione", ha affermato. “La scienza ti dirà se parli con qualsiasi biologo o chiunque abbia seguito un corso di scienze di base: i virus si replicano. È così che si muovono. Hanno bisogno di un host e una fonte. L'ho imparato a Cuba”. Ha anche avvertito che gli Stati Uniti "stanno affrontando un aumento della trasmissione a causa della nostra mancanza di infrastrutture".

 

In tutto il mondo, il numero di casi confermati ha superato oggi i 175.000, con 6.717 decessi. COVID-19 ha ora raggiunto una grande maggioranza di paesi. I professionisti medici esortano tutti a ridurre al minimo il contatto con altre persone, lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone, evitare di toccarsi il viso e coprire la bocca con il gomito quando tossiscono o starnutiscono.

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvisato tutti i paesi dovrebbero verificare tutti i potenziali casi. “Non puoi combattere un fuoco con gli occhi bendati. Abbiamo un semplice messaggio per tutti i paesi: test, test, test ", ha dichiarato il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Questo straordinario spirito di solidarietà umana deve diventare ancora più contagioso del coronavirus stesso. Anche se potremmo dover essere fisicamente separati l'uno dall'altro per un po', possiamo riunirci in modi che non abbiamo mai avuto prima... Siamo tutti insieme. E possiamo vincere solo insieme”, ha aggiunto. L’etica che guida il rivoluzionario sistema sanitario di Cuba da 60 anni.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa