Come l'India aiuterà la Russia ad aggirare le sanzioni occidentali

Come l'India aiuterà la Russia ad aggirare le sanzioni occidentali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
di Alessandro Visalli
 
Dedollarizzazione in corso:
 
La Reserve Bank of India ha modificato le sue regole sui prestiti commerciali esteri per approvare la proposta russa di investire i proventi della vendita di armi all'India stessa (tra i principali fornitori dell'esercito indiano) in titoli indiani.
 
Fino ad ora erano pagati in dollari e depositati in riserve estere (quelle che gli Usa hanno, appunto, bloccato). Da ora l'India pagherà in rupie e vedrà le stesse reinvestite in titoli locali (ovvero, dall'altro lato, la Russia costituirà riserve in India, al sicuro dalle sanzioni americane). Cresce, infatti, lo scontro tra Usa e India per il fermo rifiuto di quest'ultima ad aderire alle risorse e votare all'Onu conformemente al "Bene". Come scrive Goldman questa è "un'altra piccola ma indicativa crepa nel quadro del sistema di riserva del dollaro Usa", l'altra è il pagamento in Yuan del petrolio saudita (imminente l'incontro tra Xi e il sovrano) che comporterà probabilmente un giro simile: la Cina paga in Yuan il petrolio che compra in Arabia Saudita, i Sauditi li depositano in riserve in Cina, usano le riserve per comprare armi cinesi (o altri beni). Questo è il giro di walzer che Nixon negoziò nel 1973 (o impose con le armi) quando autorizzò l'Opec ad alzare i prezzi del petrolio (anche in quel caso contro l'indisciplinata Europa che si era permessa di richiedere la conversione dei dollari in oro).
 
----
La stima di Goldman Sachs sull'impatto diretto delle sanzioni sulla Russia è del 10% nel 2022, ma seguita da una ripresa robusta (+3-4% nei due anni successivi), ed un surplus delle partite correnti russo che addirittura cresce quest'anno da 165 miliardi a 200. Non proprio una tragedia.
 
---
 
C'è di peggio, dal lato Usa. Come noto il tenore di vita americano (che consuma molti più beni di quanti produca) è interamente fondato, per migliaia di miliardi di dollari ogni anno, sulla sua situazione patrimoniale netta sull'estero negativa (-14.000 miliardi), ovvero sulla garanzia che i venditori dei beni investiranno i pagamenti in titoli americani. Tradotto, che continuino anno dopo anno a prestargli i soldi che incassano.
Ma se i soldi che ti presto, ovvero i titoli che li rappresentano, io li congelo unilateralmente non ti stupirai, penso, se la prossima volta ci rifletto un attimo.
 
E' quel che sta facendo l'Arabia Saudita ('riflettere'), ed è ciò che ha fatto la Russia (presto seguita da Cina e India).
 
---
 
Domanda: con che cosa gli Usa costruiranno la prossima portaerei?

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti