Contro il Green Pass Metalmeccanici (FLMU) annunciano sciopero di 6 giorni

Contro il Green Pass Metalmeccanici (FLMU) annunciano sciopero di 6 giorni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

FLMU, AL-Cobas, SOA Sindacato degli Operai Autorganizzato hanno organizzato a partire da domani uno sciopero generale fino mercoledì 20 ottobre contro il decreto governativo che ha istituito il Green pass per i lavoratori del settore pubblico e privato. Le suddette sigle sindacali ritengono questo provvedimento un ricatto ordito da Draghi, Confindustria e Cgil-Cisl e Uil che aprono la strada allo sblocco dei licenziamenti. Tra l'altro ritengono che il green pass sia uno strumento per far pagare la crisi del Covid-19 ai lavoratori. Le sigle sindacali precisano che quella contro il green pass non è una battaglia contro le vaccinazioni, ma una lotta di dignità dei lavoratori.

La FLMU - Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti, ha indetto lo sciopero nazionale da Venerdì 15 al 20 OTTOBRE per tutti i lavoratori e le lavoratrici del settore metalmeccanico. Contemporaneamente AL-Cobas e SOA Sindacato Degli Operai Autorganizzati lo hanno indetto per TUTTE LE ALTRE CATEGORIE DEL SETTORE PRIVATO. (lo sciopero è da considerarsi ad esclusione dei lavoratori soggetti alla legge-146, poiché la stessa legge impedisce di proclamare scioperi, nei servizi essenziali pubblici e privati con meno di 10 giorni da altri scioperi.)

Il governo del banchiere #Draghi insieme a Confindustria e alle burocrazie dei sindacati confederali, implementano il ricatto occupazionale e potenziano il raggio d’azione dello sblocco dei licenziamenti, introducendo il Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro.

Il #greenpass è uno strumento inutile ai fini della prevenzione del contagio e della sicurezza collettiva nei luoghi di lavoro. Allo stesso tempo, è un’arma in mano ai padroni per scaricare le responsabilità e i costi della gestione pandemica direttamente sulle spalle dei lavoratori.

Uno strumento che introduce per la prima volta nella storia il concetto di “pagare per lavorare”. Un’arma a disposizione della classe padronale per evitare di ripristinare i servizi collettivi venuti meno ad inizio pandemia (come mense e spogliatoi) e per evitare di assumersi la responsabilità di garantire gli adeguati DPI nei luoghi di lavoro.

Anche il costo dei tamponi (che per garantire una reale mappatura ed un reale controllo dei contagi avrebbero senso solo se fatti a tutti i lavoratori) va ad intaccare il salario dei lavoratori, che arrivano a spendere oltre 200€ al mese per POTER LAVORARE. COME RIBADITO DAL Coordinamento Lavoratori Portuali Trieste, QUELLA CONTRO IL GREEN PASS È UNA BATTAGLIA CHE PRESCINDE DAL TEMA DELLA VACCINAZIONE. É UNA BATTAGLIA ECONOMICA E DI DIGNITÀ DI TUTTI I LAVORATORI. VACCINATI E NON VACCINATI, DENTRO E FUORI I LUOGHI DI LAVORO. Lo sciopero è indetto a partire dalle ore 00,01 del 15 Ottobre 2021 (compreso giornata) fino alle ore 23,59 del 20 Ottobre 2021.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli