Contro l’offensiva della Turchia in Siria, i curdi mendicano l’aiuto di Assad

Contro l’offensiva della Turchia in Siria, i curdi mendicano l’aiuto di Assad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mercoledì scorso, il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato l'inizio di un'altra nuova offensiva militare nel nord della Siria, con il pretesto di combattere contro le milizie curdo-siriane, che considera terroristi, come parte della sua intenzione di creare una zona sicura di 30 chilometri nel territorio siriano.

In Siria, la Turchia ha svolto diverse operazioni militari dal 2016 e attualmente controlla un tratto di territorio siriano lungo il confine che condivide con il paese levantino, nonostante Damasco richieda l'immediata partenza delle truppe turche dalla Siria.

Questo annuncio di Erdogan sembra differente dalle altre operazioni. Non si esclude che possa essere una manovra per far pressione sugli alleati della NATO per evitare l’ingresso nell’organizzazione di Svezia e Finlandia, accusate da Ankara di ospitare esponenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, PKK, considerati terroristi in Turchia.

Intanto, Il consiglio militare delle cosiddette forze democratiche siriane (SDF), una milizia curda che ha il sostegno degli Stati Uniti e che con Washington saccheggia il grano e il petrolio della Siria ha dichiarato, ieri, che si rivolgerà al governo siriano per chiedere supporto, se la Turchia andrà avanti con la sua minaccia di lanciare una nuova offensiva nel paese levantino.

Le SDF hanno tenuto una riunione straordinaria a cui hanno partecipato i leader del consiglio militare e delle fazioni "per discutere gli ultimi sviluppi nelle regioni settentrionali e orientali della Siria a seguito delle minacce turche di una possibile invasione".

I curdi sono pronti a coordinarsi con il governo siriano per proteggere il territorio siriano da qualsiasi occupazione e respingere possibili attacchi della Turchia, la cui intenzione è dividere la Siria, si legge nel testo.

Tra l’altro, nel comunicato, si avverte che si deve affrontare "l'impatto dell'invasione turca" nella lotta contro il gruppo terroristico ISIS-Daesh, dato che è aumentato il pericolo che possa trarre beneficio dalle circostanze di questo conflitto.

Quale sarà la risposta di Damasco?

Non bisogna essere dei maghi o grandi analisti per capire quale sarà la risposta del governo siriano. Damasco pretenderà, giustamente, che le milizie curde passino il controllo delle aree che occupano per conto di Washington prima di mettersi in prima linea contro un’operazione contro la Turchia.

Tale richiesta, in alcune zone del nord est della Siria è stata anche accolta dai curdi in passato, non sarebbe nuova, e rappresenterebbe un’altra occasione, per un confronto serio con Damasco, fuori dalle ingerenze statunitensi per dare stabilità e riportare le risorse quali grano e petrolio a disposizione di tutti i siriani.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti