Coronavirus, il liberismo e il principio di realtà

Coronavirus, il liberismo e il principio di realtà

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer*


Il coronavirus è solo un piccolo, moderato esempio di cosa sia la realtà e di cosa possa la realtà.



La realtà se ne frega dei desideri umani, delle nostre esigenze e anche della giustizia; per questo le civiltà evolute inventarono le religioni: per dare un senso all’insensato e un nome a questa forza incomprensibile. Una forza che può restare inattiva per decenni e poi improvvisamente colpire: più frequentemente singole persone, a volte specifiche comunità, meno spesso su scala globale ma, prima o poi, immancabilmente.

Ci sono due opposte strategie per affrontare questa situazione. La prima è l’ignoranza: vivere alla giornata, godendosi il presente finché dura e senza pensare alle conseguenze delle proprie azioni e più spesso inazioni, tanto meno sugli altri o sui posteri, accontentandosi della speranza di essere fra i fortunati che il caso o l’evoluzione hanno deciso di risparmiare, o magari usando la furbizia per dare a sé stessi una possibilità in più. L’ignoranza è sempre egoista.

La seconda strategia è molto più faticosa e si fonda sul sacrificio e sulla preparazione, personale e collettiva. Freud appunto lo chiamava il principio di realtà, ossia la capacità di rimandare l’appagamento delle pulsioni, contrapponendolo al principio di piacere, che spinge all’istantanea soddisfazione degli istinti.

Gli argini, diceva Machiavelli, vanno costruiti quando il fiume è tranquillo e magari è sempre stato tranquillo; se si aspetta la piena, si può solo subirla.

Ma Machiavelli aveva letto i classici, che sono pieni di ammonimenti alla prudenza: qualcuno di voi ricorda il grande episodio biblico, nella Genesi, del sogno del faraone, le sette vacche grasse e le sette vacche magre, e dell’interpretazione che ne diede Giuseppe? Ci saranno sette anni di abbondanza, spiega Giuseppe, seguiti da sette anni di carestia; e consiglia al faraone di far mettere da parte ampie riserve durante la prosperità per sopravvivere nell’indigenza.

O forse ricordate le favole di Esopo, fino a pochi decenni fa scuola di morale per i giovani di ogni ceto, mescolandosi a ricche tradizioni popolari locali. In particolare la favola della cicala, edonista e imprevidente, e della formica, prudente e risparmiatrice, ripresa da La Fontaine duemila anni dopo.

Questa epidemia sta dimostrando che il liberismo ha indebolito, forse in maniera irrimediabile, il principio di realtà. Infatti la sua ideologia si esprime compiutamente nell’idea e nella pratica della cosiddetta realtà virtuale, un ossimoro in cui il significato è affidato all’aggettivo, non al sostantivo.

Molta gente ormai vive nella virtualità e senza di essa non sa vivere; di sicuro non si è preparata per affrontare la realtà e le limitazioni che comporta, dunque la nega e chiede più libertà individuale, cioè più virtualità.

Come Peter Pan, piuttosto che maturare, ossia cambiare, adattarsi, fare rinunce, lottare, preferisce rifugiarsi nell’isola che non c’è, l’isola dell’ignoranza. Fino alla prossima inattesa catastrofe.


*Professore all'Harvard University

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti