World Affairs/Coronavirus, tasso di mortalità per fasce d'età secondo lo studio...

Coronavirus, tasso di mortalità per fasce d'età secondo lo studio più approfondito

 

 
Nell’ondata di panico e psicosi alimentata da un giornalismo sensazionalistico ai limiti della decenza e in linea con l'appello dei psicologi pugliesi che condividiamo appieno, è importante dare massima diffusione allo studio più approfondito sul tasso di mortalità del Covid-19, comunemente noto come Coronavirus.


 
Lo studio del Team creato ad Hoc per fronteggiare l'emergenza del “Centro per la Prevenzione e il controllo delle Malattie” cinese ha studiato nel dettaglio tutti i 72.314 casi di COVID-19 segnalati fino all'11 febbraio. Le conclusioni sono state pubblicate sul Chinese Journal of Epidemiology il 17 febbraio.
 

Tra i 72.314 casi segnalati fino a quella data in Cina, 44.672 (61,8%) sono stati confermati, 16.186 casi (22,4%) sono sospetti, 10.567 casi (14,6%) sono stati diagnosticati clinicamente e 889 casi (1,2%) erano asintomatici.
 

Dei 44.672 confermati, lo studio rileva questo nel dettaglio:
  
 
Lo studio rileva, in particolare, questo tasso di mortalità per fasce d’età.

 
AGE DEATH RATE*
80+ years old 14.8%
70-79 years old 8.0%
60-69 years old 3.6%
50-59 years old 1.3%
40-49 years old 0.4%
30-39 years old 0.2%
20-29 years old 0.2%
10-19 years old 0.2%
0-9 years old no fatalities

 

Il tasso di mortalità complessivo è del 2.3%. Particolarmente soggetti sono le persone più anziane e già debilitate da malattie pregresse.

 
PRE-EXISTING CONDITION DEATH RATE*
Cardiovascular disease 10.5%
Diabetes 7.3%
Chronic respiratory disease 6.3%
Hypertension 6.0%
Cancer 5.6%
no pre-existing conditions 0.9%


Le persone più a rischio, anziani e malati, devono essere protette e le autorità devono fare di tutto perché la diffusione si contenga il più possibile.
 

Particolarmente a rischio è chiaramente il personale medico chiamato a fronteggiare la situazione in prima linea. E questo mette in luce la vera emergenza totalmente censurata dai media sensazionalistici per quel che riguarda l'Italia, non certo la Cina capace di costruire un ospedale nell'area colpita in 10 giorni: i 37 miliardi di tagli (imposti dall'Unione Europea al nostro sistema nazionale) che hanno enormemente ridotto il numero di ospedali pubblici, posti letto e personale medico presente nel nostro territorio.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa