Cosa succede in Senegal? Intervista a Abdoulaye Ndiaye (coordinatore in Italia di Pastef)

Cosa succede in Senegal? Intervista a Abdoulaye Ndiaye (coordinatore in Italia di Pastef)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo mesi di persecuzioni e di violenze contro il partito Pastef (“Patriotes africains du Sénégal pour le travail, l'éthique et la fraternité), il presidente Macky Sall, espressione degli interessi e del dominio di Parigi sul paese africano, è riuscito nel suo intento di posticipare le elezioni assicurandosi così il controllo del Senegal almeno fino al 15 dicembre. E’ a questa data infatti che è stata posticipata l’apertura dei seggi, a ben 10 mesi dal giorno formalmente istituito, il 25 febbraio. Sall ha giustificato il suo gesto unilaterale chiamando in causa le “controversie” sull’approvazione delle numerose liste elettorali, ma i partiti d’opposizione e moltissimi cittadini senegalesi non hanno potuto vedere che un vero e proprio golpe bianco volto ad allontanare la prospettiva di una pacifica presa del potere da parte delle forze patriottiche e antimperialiste. Proprio contro queste nello scorso anno  si conobbe una violenta repressione, costata diversi morti nelle piazze, l’arresto di Ousmane Sonko, leader del Pastef, e l’e dalle piazze ai tribunali, con numerosi morti e l’arresto del leader del Pastef Ousmane Sonko, con il suo partito posto formalmente al di fuori della legge.

Dopo giorni di manifestazioni, le varie forze dell’opposizione si stanno organizzando per impedire questo intollerabile affronto al popolo senegalese, non più disposto a sostenere le catene dell’imperialismo. Ne parliamo con il sig. Abdoulaye Ndiaye, coordinatore a Roma del partito Pastef.

 

Fin dall'anno scorso la presidenza di Macky Sall ha usato ogni mezzo per ostacolare il Pastef e impedire un suo successo elettorale, arrivando anche all'incarcerazione di Ousmane SONKO e al rifiuto del riconoscimento della legittimità della sua candidatura. Quale è stata la reazione della popolazione senegalese? Il Pastef ha aumentato i suoi consensi o la repressione ha sortito effetti?

Come hai detto bene, Ousmane SONKO è l'oggetto di un’implacabilità senza precedente da Macky Sall da 2016 con il suo licenziamento da funzionario del governo. Da marzo 2021 a fine 2023, le cose hanno subito un'accelerazione fino alla sua incarcerazione e allo scioglimento del partito e successivamente al rifiuto della sua candidatura alle elezioni presidenziali. Comprese le provocazioni del regime che cerca un alibi per non organizzare le elezioni presidenziali, i dirigenti del partito hanno invitato i militanti e i simpatizzanti del partito a scendere in campo per spingere la popolazione ad andare ritirare le tessere elettorali, a raccogliere fondi per la preparazione della campagna elettorale. L'ingiustizia e il programma di Pastef hanno fatto sì che il partito aumentasse il suo consenso a livello di popolazione, che si è fatta propria del progetto e ha fatto sì che tutte le iniziative prese abbiano risultati più che soddisfacenti. E forniremo esempi di vendita di tessere associative, raccolta fondi e vendita di gadget di marketing

 

In questo clima si inserisce il recentissimo slittamento delle elezioni nazionali al, si pensa,15 dicembre. Come reagiranno a ciò il Pastef e le forze patriottiche senegalesi?

 Macky SALL e i suoi alleati, il Partito Democratico Senegalese (PDS) e altri partiti vicini il partito al potere, in complicità con l'amministrazione, hanno creato una crisi istituzionale che esiste solo nelle loro manovre politiche per tenere Pastef fuori dalla corsa presidenziale. Infatti, facendo di tutto per impedire al Pastef di avere un candidato, in questo caso Ousmane SONKO, Macky SALL non si aspettava che uno dei nostri candidati superasse le fasi di patrocinio e di selezione finale da parte del Consiglio costituzionale. Bassirou Diomaye FAYE, segretario generale del partito, nonostante la detenzione in carcere, è sfuggito al processo di selezione dei candidati. Visto l'entusiasmo dell'opinione pubblica per questa candidatura, di tutti i partiti e movimenti politici che sostengono la coalizione DIOMAYE PRÉSIDENT e la pessima posizione del suo candidato, Amadou BA, Macky SALL, con la complicità dei liberali, non ha trovato di meglio che fare un colpo di stato costituzionale rinviando le elezioni al 15 dicembre 2024. Il Pastef, sostenuto da un'ampia coalizione attorno al suo candidato, il blocco dei 19 candidati alle presidenziali, ha presentato un ricorso al Consiglio costituzionale contro l'annullamento delle elezioni presidenziali e allo stesso tempo ha iniziato la campagna elettorale. Anche i parlamentari dell'opposizione hanno presentato ricorso presso lo stesso Consiglio costituzionale, l'unico organo abilitato a decidere sulle elezioni presidenziali. Dato che questo rinvio delle elezioni presidenziali è la prima volta in Senegal, la società civile e i sindacati degli insegnanti si sono uniti per opporsi a questo attacco alla nostra democrazia e stanno programmando marce e scioperi.

 

Negli ultimi anni dalla Guinea al Niger, passando per Burkina Faso e Mali, la Francia ha subito dure sconfitte nella regione del Sahel. Qual è la vostra idea sui nuovi governi di questi paesi? Pensate che lo sconvolgimento possa estendersi a tutta l'Africa occidentale, travolgendo i resti dell'impero coloniale di Parigi?

I viaggi, l'istruzione, la televisione e, soprattutto, Internet sono tutti fattori che hanno permesso ai popoli dell'Africa occidentale di emanciparsi, di aspirare a migliori condizioni di vita e alla libertà da un sistema corrotto sponsorizzato dalla Francia. L'Africa sub sahariana si sta incamminando verso la libertà e la democrazia, ma non è affatto facile, minata dal neocolonialismo espresso soprattutto dalla Francia, spesso sponsor di governi autocratici, almeno fino a quando permettono alle multinazionali francesi il controllo dei mercati e delle risorse interne. La maggior parte dei flussi migratori che arrivano in Europa provengono da Paesi devastati da decenni di colonizzazione francese e governati da dittatori che hanno mantenuto la loro posizione solo grazie al sostegno francese. Il Mali, il Burkina Faso e il Niger hanno realizzato un cambiamento radicale nell'indipendenza dei loro Paesi dalla Francia e stanno diventando un esempio per molti altri Paesi dell'Africa occidentale. Liberarsi dalla Francia rimane l'unica vera soluzione per lo sviluppo dell'Africa, sperando che questo cambiamento avvenga in modo democratico.

 

Per secoli l'Africa è stata relegata dal colonialismo e dal neocolonialismo a un ruolo subalterno a livello internazionale. Povertà, arretratezza, deportazioni più o meno forzate e guerre sono state il risultato. Vedete nel nuovo processo di costruzione di un mondo multipolare una speranza per il vostro paese e per tutto il continente africano?

Il poeta ed ex presidente senegalese Leopold Sédar Senghor diceva che siamo in un mondo di universalità, "di dare e ricevere" e l'Africa nel suo insieme aspira a giocare un ruolo chiave in questo. L'Africa ha abbastanza risorse naturali, risorse umane formate nelle principali università del mondo. Gli intellettuali africani, e in particolare la diaspora, stanno lavorando in molte forme per realizzare queste aspirazioni.

 

Dall'altra parte, fra molte ambiguità e mancanze, il governo Meloni ha lanciato il suo "piano Mattei". Qual è il vostro giudizio su questa iniziativa? Pensate che Roma, o altre cancellerie europee, possa essere promotrice in questa fase di qualcosa di positivo per l'Africa o gli africani? O la sudditanza a Washington e Bruxelles spinge inevitabilmente per logiche predatorie nei confronti del continente?

 I venti di cambiamento in Africa, siano essi politici, militari o intellettuali, giocheranno un ruolo chiave nelle relazioni geopolitiche tra Africa e Occidente. L'Italia, come la Spagna, è uno dei Paesi più esposti ai flussi irregolari di migranti provenienti dall'Africa, e di conseguenza al risentimento della popolazione. La guerra in Ucraina, principale fornitore di gas dell'Europa, ha avuto un impatto significativo anche sulle relazioni geopolitiche con l'Africa, che rimane un continente ricco di risorse energetiche e di alternative. Il piano Mattei avviato dall'Italia è tempestivo e dovrebbe essere un buon programma di sviluppo sia per l'Africa che per l'Italia. L'importante è che sia attuato con sincerità. L'Africa nel suo complesso è un continente da costruire, da scoprire, per cui si prospetta tutta una serie d'investimenti che possono aiutare molte aziende italiane a moltiplicare le loro opportunità e allo stesso tempo contribuire a creare un'Africa competitiva. Ma, come ho detto prima, tutto dipenderà dalla sincerità nella sua attuazione.

Leonardo Sinigaglia

Leonardo Sinigaglia

Nato a Genova il 24 maggio 1999, si è laureato in Storia all'università della stessa città nel 2022. Militante politico, ha partecipato e collaborato a numerose iniziative sia a livello cittadino che nazionale.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti