Crescono le proteste contro il rifiuto di Macron di ritirare le truppe francesi dal Niger

Crescono le proteste contro il rifiuto di Macron di ritirare le truppe francesi dal Niger

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Alex Lantier – WSWS.org

Dopo che decine di migliaia di lavoratori e giovani hanno protestato questo fine settimana nella capitale del Niger, Niamey, altre migliaia hanno circondato la base militare NATO a Niamey. La base ospita circa 1.500 soldati francesi insieme a truppe statunitensi e italiane, aerei da combattimento, droni assassini ed elicotteri d'attacco. I manifestanti chiedono che le truppe francesi, intervenute nell’ex impero coloniale francese nel Sahel durante la guerra francese del 2013-2022 nel vicino Mali, se ne vadano immediatamente.

Un manifestante fuori dalla base di Niamey, Ibrahim Mohamed, ha detto a France Info di non riuscire a trovare alcuna spiegazione innocente per l'ondata di omicidi di massa nei villaggi avvenuti in tutto il Sahel durante la guerra della Francia in Mali. "Con tutti gli strumenti di cui dispone oggi la Francia, come i droni di sorveglianza e le armi pesanti... non capisco come individui in moto possano uccidere la nostra gente giorno e notte", ha lamentato.

Maïkoul Zodi, il coordinatore nigeriano della rete di attivisti Turn The Page, che ieri si è rivolto ai manifestanti che circondavano la base di Niamey, ha dichiarato: “[Abbiamo] circondato questa base e ci accamperemo qui finché gli ultimi soldati francesi non lasceranno il nostro territorio prima di tornare a casa."

Parigi, tuttavia, sta perseguendo una politica palesemente neocoloniale. Il presidente Emmanuel Macron e i vertici militari continuano a rifiutarsi di ritirare le loro truppe o di sostituire l’impopolare ambasciatore francese in Niger, Sylvain Itté. Ufficiali francesi anonimamente stanno minacciando sulla stampa di reprimere le proteste a Niamey e promettendo che qualsiasi ritiro da loro effettuato mirerà a rafforzare l'efficacia del combattimento francese in tutto il Sahel.

France Info ha citato “lo stato maggiore dell’esercito” come avvertimento che “le forze francesi sono pronte a reagire contro qualsiasi minaccia alle posizioni militari e diplomatiche [della Francia] in Niger”.

Ieri le autorità francesi hanno confermato di aver aperto i colloqui con il regime militare del Niger per un ritiro parziale delle truppe francesi da Niamey. Tuttavia, lo scopo di questi colloqui è quello di dare alle truppe francesi la possibilità di ridistribuirsi fuori dalle aree più contese del Niger, in modo che possano continuare a combattere altrove nella regione.

Scrive Le Figaro: “È inutile lasciare inattivi più di mille soldati in questa zona. Secondo il Ministero della Difesa, sono iniziate discussioni "funzionali" per organizzare il ritiro di alcuni elementi militari. Si tratta di discussioni “preparatorie”, cioè tecniche e non politiche, si dice. I soldati potrebbero essere schierati altrove, il loro numero non è stato ancora deciso. Lo stato maggiore vuole mantenere la propria credibilità operativa sul campo [in Niger]. Naturalmente la mossa potrebbe essere invertita”.

Nel frattempo, i funzionari francesi stanno ignorando l’offerta della Cina, il secondo partner commerciale del Niger dopo la Francia, di mediare tra Parigi e la giunta nigerina. L'ambasciatore cinese in Niger Jiang Feng ha esteso l'offerta dopo aver incontrato Ali Mahaman Lamine Zeine, il primo ministro nominato dalla giunta militare nigerina.

"Il governo cinese intende svolgere un ruolo positivo, come mediatore, nel pieno rispetto dei paesi della regione, per trovare una soluzione politica alla crisi nigerina", ha precisato Jiang. “La Cina segue sempre il principio di non interferenza negli affari interni degli altri paesi”, ha aggiunto Jiang, sperando che i paesi africani possano “risolvere i loro problemi, in stile africano”.

Il tentativo del regime cinese di mediare un accordo con Parigi riflette le preoccupazioni dei circoli dominanti di Pechino per la politica aggressiva di Macron in Niger. Da quando il colpo di stato del 26 luglio in Niger ha deposto il presidente Mohamed Bazoum, sostenuto dalla Francia, Macron ha esercitato pressioni aggressive per imporre sanzioni al Niger e preparare un’invasione del paese da parte dei paesi della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) per riportare Bazoum al potere. Le sanzioni e la minaccia di rovesciare la giunta di Niamey colpiscono importanti interessi economici cinesi.

Pechino sta costruendo importanti progetti infrastrutturali in Niger, che decenni di dominazione francese dall’indipendenza formale dalla Francia nel 1960 hanno reso uno dei paesi più poveri del mondo. Sta costruendo un oleodotto di 2.000 chilometri per trasportare il petrolio nigeriano ai porti del Benin e una centrale idroelettrica da 1 miliardo di euro a Kandadji sul fiume Niger per ridurre il numero di blackout in Niger. Non è chiaro se le sanzioni franco-ECOWAS possano bloccare i progetti di Pechino, o se le vendite di petrolio nigerino sui mercati mondiali possano consentire a Niamey di eludere le sanzioni ECOWAS.

Tuttavia, è già evidente che Parigi si trova ad affrontare la sfida più profonda alla sua egemonia sull’ex impero coloniale dai tempi della sanguinosa guerra del 1954-1962 per l’indipendenza dell’Algeria dalla Francia. Il colpo di stato in Niger è arrivato dopo una serie di colpi di stato nei vicini Mali e Burkina Faso che hanno portato al potere regimi militari che chiedevano la partenza delle truppe francesi dai loro paesi. Ciò riflette la crescente indignazione tra i lavoratori e i giovani per lo spargimento di sangue in Mali e in tutto il Sahel durante la guerra francese in Mali del 2013-2022.

La crisi dell’imperialismo francese è tanto più grave a causa dell’esplosiva opposizione della classe operaia francese al diktat di austerità di Macron in patria. Questa primavera ha imposto tagli alle pensioni nonostante la schiacciante opposizione popolare e gli scioperi di massa di milioni di lavoratori, calpestando la volontà della gente e inviando squadre di polizia antisommossa ad aggredire brutalmente scioperanti e manifestanti. Dopo aver tagliato le pensioni, Macron ha poi imposto un aumento di 100 miliardi di euro del bilancio militare francese nel contesto della guerra della NATO contro la Russia in Ucraina.

Stanno emergendo le condizioni oggettive per una lotta rivoluzionaria unitaria e internazionale dei lavoratori in Francia e nelle ex colonie africane francesi contro l'imperialismo.

La questione decisiva di fronte alla costruzione di un tale movimento è la rottura politica con le burocrazie sindacali nazionali e i partiti di pseudo-sinistra o nazionalisti ad essi associati, basata su una lotta internazionale contro la guerra imperialista e per il socialismo. In Francia, queste forze hanno bloccato uno sciopero più ampio questa primavera per far cadere Macron durante la lotta per le pensioni. In Niger e in tutto il Sahel, stanno lavorando per sostenere i negoziati delle giunte militari con l'imperialismo, cercando al tempo stesso di presentare falsamente le giunte come governi di “sinistra” e antimperialisti.

In realtà, la giunta in Niger sta cercando disperatamente di mantenere le relazioni con Macron, cercando allo stesso tempo di disinnescare l’opposizione esplosiva all’imperialismo tra i lavoratori e i giovani. Infatti, mentre procedevano i colloqui tra gli eserciti nigerini e francesi su un'evacuazione parziale della Francia, la giunta del Niger ha reso inequivocabilmente chiara la sua posizione in una conferenza stampa del Primo Ministro Zeine.

Zeine ha chiesto la cooperazione con l'imperialismo francese, sottolineando che la presenza militare francese in Niger è “in una posizione di illegalità” poiché è osteggiata dalla popolazione e non autorizzata dal governo. Riferendosi agli "scambi" della giunta con l'esercito francese, ha detto: "Ciò che vorremmo è, se possibile, mantenere una cooperazione con il paese con cui condividiamo tante cose".

Allo stesso modo, nonostante i loro appelli all’opposizione alla Francia, anche le organizzazioni per i diritti umani e i gruppi di attivisti della rete Turn The Page che interviene nelle proteste in Niger sono strettamente legati agli interessi imperialisti. Il sito web della rete elenca tra i suoi sponsor l'Agenzia francese per lo sviluppo (AFD), la Fondazione Rosa Luxemburg, finanziata dallo stato tedesco, e l'Istituto nazionale democratico statunitense (NDI). L’NDI fa parte del National Endowment for Democracy (NED), un canale di lunga data per i fondi della CIA.

La lotta contro l’imperialismo e la guerra può procedere solo attraverso una svolta consapevole volta a unificare le lotte dei lavoratori a livello internazionale in tutta l’Africa, l’Europa e oltre in un movimento contro l’imperialismo e il dominio delle élite capitaliste sulla vita sociale ed economica. Ciò significa opporsi sia all’imperialismo che alle sue varie agenzie piccolo-borghesi nei paesi ex coloniali e costruire un movimento internazionale della classe operaia contro la guerra imperialista e per il socialismo.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti