Critiche di "antisemitismo". Elon Musk china la testa e va in Israele

Critiche di "antisemitismo". Elon Musk china la testa e va in Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




L'oligarca Usa Elon Musk piega il capo e si recherà oggi in Israele per placare le critiche di "antisemitismo" che gli sono arrivate dal mondo libero per non aver censurato chi denuncia la mattanza a Gaza sul suo social X e per aver condiviso un post di un utente (@breakingbaht) nel quale si sosteneva come "le comunità ebraiche hanno alimentato l'esatto tipo di odio dialettico contro i bianchi che dicono di voler smettere di usare contro di loro".

"E' l'esatta verità", aveva commentato Musk. A questo era seguito il boicottaggio di Apple, Walt Disney e altri pilastri dell'imperialismo Usa che avevano immediatamente ritirato i loro annunci su X; la denuncia del gruppo liberal di controllo dei media e dei giornalisti "Media Matters" che aveva pubblicato un articolo dedicato alla controversia, con questi torni: "Mentre il proprietario di X Elon Musk continua la sua discesa nelle teorie cospirative antisemite e nazionaliste bianche, la sua piattaforma di social media ha inserito annunci pubblicitari per marchi importanti come Apple, Bravo (NBCUniversal), IBM, Oracle e Xfinity (Comcast) insieme a contenuti che promuovono Adolf Hitler e il suo partito nazista"; e, infine, un comunicato ufficiale della Casa Bianca: "Condanniamo con la massima fermezza questa ripugnante promozione dell'odio antisemita e razzista, che va contro i nostri valori fondamentali di americani", secondo le parole del vice addetto stampa Andrew Bates.

Il tycoon proprietario di Tesla aveva reagito denunciando come "fake news" tutte le critiche. "Niente potrebbe essere più lontano dalla verità", aveva twittato il 20 novembre. Ma la pressione ha vinto e oggi si recherà in Israele per il tour della penitenza. Incontrerà il primo ministro Benjamin Netanyahu, il presidente Isaac Herzog e Benny Gantz, oltre ai parenti degli ostaggi israeliani detenuti nella Striscia di Gaza.

Secondo l'ufficio presidenziale israeliano, l'incontro tra il miliardario e Herzog "si terrà con l'obiettivo di rivelare in modo chiaro e profondo l'orribile massacro perpetrato il 7 ottobre" e il presidente sottolineerà al suo ospite la "necessità" di agire per sradicare "l'antisemitismo" nei social network. All'evento parteciperanno anche i parenti degli ostaggi israeliani detenuti nella Striscia di Gaza. Netanyahu, ha comunicato il suo ufficio, intende fare un "tour degli insediamenti israeliani lungo il confine con l'enclave palestinese" insieme a Musk e trasmettere la loro conversazione in diretta sulla piattaforma X.

Non sono insediamenti, ma territori occupati dove si applica la segregazione razziale e l'apartheid contro i nativi. Ma questo non si può dire nel mondo al contrario in cui viviamo perché viene censurato sistematicamente. Da oggi, forse, anche sul social di Musk.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti