Cuba immunizzerà tutta la popolazione nel 2021

Cuba immunizzerà tutta la popolazione nel 2021

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Mentre in Europea e negli Stati Uniti si segnalano problemi su problemi e aumentano i dubbi circa la reale efficacia dei vaccini sviluppati dalle multinazionali del farmaco. A Cuba la situazione è ben diversa. L’isola caraibica, ribelle socialista, sarà uno dei primi paesi (e anche tra i pochi) al mondo in grado di immunizzare tutta la sua popolazione nel 2021, nonostante l’inasprimento negli ultimi 12 mesi del blocco economico degli Stati Uniti contro l'isola. Ad affermarlo - come riporta il quotidiano Granma - è il dottor Eduardo Martínez Díaz, presidente del gruppo aziendale BioCubaFarma.

Il direttore generale del Finlay Vaccine Institute, il dottor Vicente Vérez Bencomo, ha già annunciato che il paese sta preparando le sue capacità per produrre cento milioni di dosi di Soberana 02 iniettabile contro il COVID-19.

Però le criminali sanzioni statunitensi pesano e influiscono anche se la propaganda filo-occidentale cerca di occultare questo aspetto particolarmente odioso delle sanzioni. A questo proposito, la dottoressa María Eugenia Toledo Romaní, dell'Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kourí (IPK), ha denunciato che l'intensificazione delle sanzioni degli Stati Uniti influisce sulla creazione di nuove capacità produttive. "Se dobbiamo acquistare nuove macchine e configurare più impianti, tutto ciò è estremamente difficile a causa della limitazione che abbiamo per acquisire le tecnologie”, ha denunciato la dottoressa cubana. 

Per questi motivi, l'esperienza internazionale viene utilizzata per firmare accordi con altri paesi che possono aiutare con le risorse necessarie e poter andare avanti. 

Verso la fase III 

Cuba in ogni caso procede sopravanzando blocchi e ostacoli di ogni sorta disseminati sulla sua strada dall’impero nordamericano. Infatti sull’isola è in corso la sperimentazione clinica ampliata di fase IIB del vaccino candidato Soberana 02. Dopo aver applicato il vaccino, gli eventi avversi vengono valutati nelle persone durante un'ora di osservazione, quindi c'è una sorveglianza attiva con follow-up ambulatoriale, fino al completamento dei 28 giorni. Di fronte a qualsiasi reazione, il soggetto si reca al posto di guardia allestito presso il sito clinico, per essere adeguatamente osservato dal Sistema Sanitario.

La dottoressa García Carmenate ha sottolineato che la popolazione è molto entusiasta e si reca al policlinico per fare volontariato. Hanno fiducia nel sistema sanitario cubano e anche chi non partecipa si sente orgoglioso, sapendo che questo tipo di sperimentazione clinica si sta svolgendo nel loro territorio. "Dei pazienti che sono stati selezionati durante il reclutamento, nessuno ha rifiutato di firmare il consenso", ha specificato.

Tra i volontari e lo staff tecnico c'è fiducia nella scienza cubana per superare il COVID-19 con intelligenza e dedizione.

Al contrario di quanto avviene nel decadente occidente dove i cittadini sono sempre più scettici e dubbiosi rispetto alla gestione fallimentare della pandemia. Lo stesso vale per i protocolli di cura e i vaccini già arrivati e in arrivo. Forse questo non dipende tanto dalle fake news, come spesso si cerca di far credere, ma bensì dai danni prodotti negli anni da una sanità utilizzata per estrarre profitto e non per prestare attenzione e cura ai cittadini come avviene a Cuba. Questo aspetto è centrale nel determinare una reazione positiva e collaborativa nella popolazione. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti