Das Erste: la data scelta da Xi per andare in Serbia non è casuale

Das Erste: la data scelta da Xi per andare in Serbia non è casuale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Serbia e Cina condividono una "amicizia di ferro", come sostengono sia Pechino che Belgrado. La popolazione serba conosce questa espressione almeno dal 2016: in quel periodo la Cina ha effettuato il primo grande investimento diretto nel Paese, acquistando una fabbrica di acciaio a Smederovo e salvandola dal fallimento, spiega il canale televisivo Das Erste. La Cina è ora il secondo partner commerciale più importante della Serbia.

Secondo il presidente serbo Aleksandar Vucic, il volume degli scambi tra i due Paesi è stimato a 6,1 miliardi di dollari nel 2023. Anche le esportazioni serbe in Cina sono aumentate più volte negli ultimi anni, passando da 6,4 milioni di dollari nel 2012 a 1,2 miliardi nel 2023.

Queste partnership strategiche rimescolano le carte per i prossimi giri di poker politico. L'esperto serbo di Cina Stefan Vladisavljev la definisce una "politica estera multivettoriale" di equilibrio tra Occidente e Oriente, Europa e Asia.

"Taiwan è Cina, punto e basta", ha affermato Vucic alla televisione di Stato cinese, in pieno accordo con la posizione di Pechino. E si aspetta lo stessa posizione quando si tratta del Kosovo, ex provincia serba che dal 2008 sostiene di essere un Paese indipendente che la Serbia - e certamente la Cina - non riconosce. Sei mesi fa, la Serbia ha firmato un accordo di libero scambio con la Cina, che entrerà in vigore a luglio.

Ma il leader cinese Xi Jinping non visita Belgrado solo come partner commerciale. Nessuno considera una coincidenza il fatto che atterri nella capitale serba esattamente 25 anni dopo il bombardamento dell'ambasciata cinese a Belgrado. Le bombe NATO sganciate dai caccia dell'aviazione statunitense colpirono l'ambasciata durante la guerra del Kosovo nel 1999. Tre giornalisti cinesi furono uccisi allora. L'allora Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton si scusò, affermando che il bombardamento era stato un incidente, come sosteneva la NATO. Tuttavia, la Cina non accettò le scuse.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti