/ Dimenticate F-22 ed F-35, arriva il caccia di sesta generazione F...

Dimenticate F-22 ed F-35, arriva il caccia di sesta generazione F-3 del Giappone

 
 

I dubbi crescenti, i problemi e gli elevati aumenti dei costi riscontrati nell’ambito del programma F-35 spingono il Giappone a premere l’acceleratore sul progetto del caccia F-3 di sesta generazione prodotto da Mitsubishi. 

 

La Difesa di Tokyo ha svelato che dopo anni di esitazione, il Giappone ha deciso di portare avanti lo sviluppo del caccia di sesta generazione Mitsubishi F-3, piuttosto che acquistare un ulteriore progetto straniero di stealth per integrare la sua flotta crescente di F-35. 

 

Secondo quanto riferito dal Ministero della Difesa giapponese nel mese di febbraio, i requisiti di prestazione F-3 dovrebbero essere pubblicati nel bilancio 2020, con lo sviluppo ufficiale che inizierà nel 2021 e un primo volo previsto per il 2030.

 

I nuovi jet F-3 inizieranno quindi a sostituire gli oltre 100 caccia monomotore Mitsubishi F-2 costruiti in Giappone. 

 

La televisione giapponese ha rivelato che il programma si prevede avrà un costo per lo sviluppo di 5 trilioni di yen, equivalente a circa 45 miliardi di dollari USA. Il costo per il piano di sviluppo potrebbe facilmente superare le cifre citate in precedenza di 20 miliardi di yen (179 milioni di milioni di dollari).

 

Le forze aeree del Giappone hanno intenzione di sviluppare le capacità di attacco.

Le caratteristiche desiderabili nel caccia per la difesa aerea sono  lungo raggio / resistenza per i pattugliamenti; alta velocità per impegnare rapidamente gli aerei in arrivo prima che possano utilizzare le loro armi; e manovrabilità per sconfiggere i caccia avversari nei duelli aerei all'interno della visuale. In tutte queste caratteristiche della vecchia scuola, i caccia F-15J dell'Aquila giapponese di quaranta anni superano l'F-35.

 

Ciononostante, la silenziosa sezione radar-cross dell'F-35 e i potenti sensori collegati in rete lo rendono più resistente e pericoloso di un F-15 che può essere rilevato da decine di chilometri di distanza. Ma il Giappone preferirebbe ancora un velivolo che fosse al contempo furtivo e una macchina da combattimento air-to-air dedicata.

 

Quando è stato chiesto a un ufficiale giapponese quali fossero le cinque priorità principali per l'F-3, ha elencato prima "le capacità per la superiorità aerea futura".

 

Le altre qualità includevano capacità di aggiornamento, proprietà tecnologica interna e accessibilità.

Fonte: The National Interest
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa