Disgelo siriano. Gli obiettivi del viaggio di Assad negli Emirati

Disgelo siriano. Gli obiettivi del viaggio di Assad negli Emirati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Mohsen Khalif - HispanTV

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha incontrato domenica i leader degli Emirati ad Abu Dhabi, la sua seconda visita nei paesi arabi del Golfo dal terremoto del mese scorso, sollecitando rinnovati sforzi per riportare Damasco nell'ovile arabo.

Questo viaggio del presidente siriano arriva dopo una visita in Oman il mese scorso, i suoi unici impegni ufficiali nei paesi arabi dall'inizio del conflitto armato in Siria nel 2011.

Il Presidente degli Emirati Arabi Uniti (UAE), Sheikh Mohamad bin Zayed Al Nahyan, ha ricevuto Bashar al-Asad e sua moglie Asma nella capitale. "Abbiamo tenuto colloqui costruttivi volti a sviluppare legami bilaterali", ha dichiarato il presidente degli Emirati in una nota.

"Le nostre discussioni hanno anche esplorato i modi per rafforzare la cooperazione per accelerare la stabilità e il progresso in Siria e nella regione", ha aggiunto il presidente degli Emirati.

Abu Dhabi, che ha normalizzato le relazioni con il governo siriano nel 2018, ha guidato i soccorsi dopo il terremoto del 6 febbraio che ha colpito la Turchia sudorientale e la Siria settentrionale, uccidendo decine di migliaia di persone.

Gli Emirati Arabi Uniti avevano promesso più di cento milioni di dollari in assistenza per la Siria colpita dal terremoto, di gran lunga la somma più alta da una singola nazione.

E il ministro degli Esteri, lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, il mese scorso è diventato il primo alto funzionario arabo a visitare la Siria dopo il terremoto.

La visita di Assad segna una continuazione del disgelo in corso nelle relazioni tra la Siria e altri paesi arabi, più di un decennio dopo che la Lega Araba di 22 membri ha sospeso l'adesione di Damasco a seguito dell'inizio della crisi nel paese levantino.


Obiettivi del viaggio di Bashar al-Asad negli Emirati

La visita del presidente siriano ad Abu Dhabi è stata diversa sotto tutti gli aspetti: la calorosa accoglienza ricevuta dagli emiratini, la tempistica e gli obiettivi del viaggio.

Mohamad bin Zayed Al Nahyan ha incontrato Assad all'aeroporto di Abu Dhabi, dove era accompagnato da Tahnun bin Al Zayed, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Emirati Arabi Uniti, e altri funzionari di alto rango.

Il leader siriano ha accompagnato anche una delegazione di ministri, come quello siriano dell'Economia e del Commercio Estero.

I colloqui tra i due presidenti hanno affrontato le relazioni bilaterali tra i paesi e le modalità per rafforzarle. Si sono inoltre concentrati sulle dinamiche positive nella regione e sull'importanza di raggiungere la stabilità per il progresso e la prosperità che i popoli si aspettano da questi cambiamenti.

La visita di Al-Asad negli Emirati Arabi Uniti aveva due obiettivi principali: il primo era politico perché Abu Dhabi ha un'importanza strategica nella regione ed è considerato un attore importante. E, inoltre, ha molta influenza negli organi decisionali internazionali.

Gli esperti ritengono che gli Emirati Arabi Uniti possano svolgere un ruolo centrale nel rompere il ghiaccio dei rapporti tra la comunità internazionale e la Siria e ridurre le sanzioni occidentali contro Damasco.

Il secondo scopo può essere considerato economico, perché Damasco sta cercando di fare di Abu Dhabi la sua porta economica verso il mondo esterno e di risanare la sua situazione economica, che da anni soffre di molti problemi sotto l'influenza dell'embargo statunitense e del recente terremoto.

Quali risultati si aspetta Damasco dal viaggio di Assad?

Damasco spera che la riconciliazione regionale apra la strada al tanto atteso investimento nella ricostruzione del martoriato Paese. Tuttavia, gli analisti affermano che al momento la realizzazione di questa domanda è improbabile.

Uno degli ostacoli prevalenti è la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) e le richieste statunitensi ed europee alla Siria di normalizzare le relazioni con la Siria, che secondo l'Occidente non sono state soddisfatte.

La Banca mondiale ha annunciato che il PIL reale (prodotto interno lordo) della Siria dovrebbe diminuire nel 2023 a seguito del devastante terremoto, con danni fisici stimati a 3,7 miliardi di dollari e perdite economiche a 1,5 miliardi di dollari.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti