Documenti declassificati rivelano che l'Australia ha aiutato gli Stati Uniti a rovesciare Salvador Allende

Documenti declassificati rivelano che l'Australia ha aiutato gli Stati Uniti a rovesciare Salvador Allende

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’11 di settembre del 1973 attraverso un golpe militare veniva rovesciato il governo presieduto dal medico marxista Salvador Allende eletto presidente dalla coalizione dei partiti di sinistra Unidad Popular nel 1970. Il colpo di Stato era guidato dal generale fascista Augusto Pinochet con il sostegno degli Stati Uniti. Il presidente Allende morirà armi in pugno barricato nella Moneda (palazzo presidenziale cileno) nel disperato tentativo di salvare il suo governo e la democrazia cilena. 

48 anni dopo i tragici eventi emergono dei documenti, come riporta Bio Bio Chile, che provano il coinvolgimento nel golpe anche dall’Australia oltre agli Stati Uniti. 

L'Australian Secret Intelligence Service aveva installato una "stazione" a Santiago dal 1971 al 1973 su richiesta della Central Intelligence Agency (CIA).

Questo, secondo i documenti australiani declassificati pubblicati dal National Security Archive (NSA), un think tank con sede a Washington.

“Cinquant'anni dopo, vengono ancora a galla pezzi della storia nascosta degli sforzi concertati e segreti. Il tutto per destabilizzare il governo democraticamente eletto di Salvador Allende”, ha affermato Peter Kornbluh, storico della Nsa.

"Il verdetto della storia per paesi come l'Australia e il Brasile, che sono intervenuti anche in Cile, dipende dalla piena comprensione di questo passato oscuro”, aggiunge lo storico. 

Secondo memorandum e rapporti citati dalla NSA, nel dicembre 1970, il ministro degli Esteri australiano William McMahon autorizzò l'apertura di una cellula segreta nella capitale cilena, le cui squadre e agenti arrivarono a metà del 1971.

Le operazioni andarono avanti per 18 mesi e comprendevano il reclutamento di risorse cilene e la presentazione di rapporti di intelligence. I documenti venivano poi iviati direttamente al quartier generale della CIA a Langley, in Virginia.

All'inizio del 1973, il nuovo primo ministro australiano, Gough Whitlam, ordinò al direttore dell'ASIS di porre fine all'operazione in Cile.

Il nuovo governo era preoccupato perché la partecipazione australiana sarebbe stata “estremamente difficile” da giustificare nel caso fosse diventata di dominio pubblico. 

La cellula spia australiana fu apparentemente chiusa nel luglio 1973.

Nonostante ciò, un agente dell'ASIS rimase a Santiago fino a dopo il golpe militare dell'11 settembre.

L'Australia ha declassificato questi documenti a seguito delle richieste di Clinton Fernandes, un ex analista dell'intelligence militare australiana. Il governo australiano ha fornito a Fernandes a giugno i file relativi all'apertura e alla chiusura della stazione ASIS a Santiago tra il 1970 e il 1973.

Tuttavia, il materiale si è rivelato "fortemente censurato" e con "poche rivelazioni di operazioni segrete". A ciò si aggiunge la raccolta di informazioni o rapporti di collegamento con la CIA in Cile", sottolinea la NSA sul suo sito web.

Tuttavia, i documenti confermano i dettagli delle operazioni segrete dell'Australia in Cile e ammesse dai politici nel corso degli anni.

Nell'ottobre 1974, il Sydney Morning Herald pubblicò l'articolo “Alcune spie hanno aiutato la CIA a pianificare il rovesciamento di Allende".

E nel 1977, lo stesso Whitlam, allora leader dell'opposizione, riconobbe le attività del personale dell'intelligence australiana "per destabilizzare il governo del Cile".

Fernandes sta ora cercando un'ulteriore declassificazione della documentazione storica sulle operazioni australiane in Cile, con i documenti ripubblicati ma non censurati.

"Il governo australiano insiste sulla segretezza per evitare di dover ammettere all'opinione pubblica australiana di aver contribuito a distruggere la democrazia cilena”, ha dichiarato Fernandes alla NSA. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti