/ Ecco perché l'attuale operazione dell'esercito siriano nel nord d...

Ecco perché l'attuale operazione dell'esercito siriano nel nord della Siria ha poco a che fare con la liberazione di Idlib

 

L'esercito arabo siriano ha lanciato un'offensiva nelle campagne a nord-ovest del Governatorato di Idlib lo scorso lunedì, prendendo di mira diverse aree controllate da jihadisti e gruppi ribelli filo-turchi. Tuttavia, per varie ragioni politiche e strategiche è ancora presto per parlare di un'operazione per liberare Idlib.


Come ha spiegato il portale 'Al Masdar News', dall'inizio dell'offensiva, l'esercito arabo siriano ha raggiunto il suo primo obiettivo, ovvero la liberazione delle due roccaforti dei gruppi armati, Qal'at Al-Madiq e Kafr Naboudeh.
 
Tuttavia, da quando è iniziata questa offensiva, sono emerse voci di qualche offensiva su larga scala per liberare l'intero Governatorato di Idlib da gruppi come il Fronte di Liberazione Nazionale (NLF) e Hay'at Tahrir Al-Sham. Queste affermazioni sono false e per lo più amplificate da account social media pro e antigovernativi, agenzie di stampa e funzionari occidentali.
 
In primo luogo, l'esercito arabo siriano non può intraprendere un'offensiva come questa senza un accordo tra le forze russe e turche nel nord-ovest della Siria. La Russia ha approvato questa ultima offensiva dopo che i gruppi armati all'interno della parte sud-occidentale della zona demilitarizzata si sono rifiutati di ritirarsi dall'area e di fermare i loro attacchi contro città come Mhardeh e Suqaylabiyeh.
 
Mentre la Turchia ha resistito alle precedenti richieste russe di costringere questi gruppi a uscire dalla zona smilitarizzata, non hanno avuto altra scelta dopo che i jihadisti di Hay'at Tahrir Al-Sham hanno ripetutamente attaccato la base aerea di Hmeimim nel sud-ovest di Latakia ad aprile e maggio.
 
In secondo luogo, Hay'at Tahrir Al-Sham ed i gruppi jihadisti stranieri come il Partito Islamico Turkestan sono principalmente concentrati lungo gli assi Latakia-Idlib-Hama. La Russia ha chiarito che non tollereranno la loro presenza all'interno della Siria. La nuova offensiva dell'esercito siriano cerca di espellerli dal Governatorato di Latakia e dalla vicina pianura di Al-Ghaab.
 
HTS controlla la città di Idlib, ma è abbastanza lontano dal fronte e non è una preoccupazione importante per l'esercito russo in questo momento. In futuro, l'esercito russo spera di riaprire l'autostrada Latakia-Aleppo, ma solo con la partecipazione della Turchia.
 
In terzo luogo, l'esercito arabo siriano avrà bisogno di molti più soldati per avviare un'importante operazione per liberare il Governatorato di Idlib. Inoltre, la popolazione del governatorato è anti-governativa e meno incline ad accettare accordi di riconciliazione simili a quelli raggiunti nel sud della Siria.
In quarto luogo, un'operazione come questa comporterebbe l'esodo di molte persone da Idlib alla Turchia o regioni limitrofe come Afrin. La Turchia non è disposta a sopportare l'onere di un'operazione del genere che probabilmente sposterebbe molte persone verso il loro confine.
 
Anche se questa strategia va contro l'approccio del governo sul fatto che "ogni centimetro della Siria" sarà liberato, Damasco non vuole uno scontro militare con la Turchia. 
Infine, dal momento che l'amministrazione Trump ha intensificato le sanzioni contro la Siria e l'Iran, Damasco è stata costretta a cercare soluzioni per la crisi petrolifera in corso all'interno del paese. Una delle soluzioni, una fonte di Damasco riferita ad Al-Masdar News, era quella di consentire la consegna di petrolio iraniano in Siria attraverso la Turchia. Niente è ufficiale in questo senso, ma questa è una delle soluzioni principali che il governo ha affrontato dalla fine di aprile.
 
Fonte: Al Masdar News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa