/ Ecuador, «Lenin Moreno è un collaboratore della CIA»

Ecuador, «Lenin Moreno è un collaboratore della CIA»

 

La forte denuncia di Ricardo Patiño, ex ministro degli Esteri dell'Ecuador con Rafael Correa presidente

 

"Moreno è diventato un infiltrato della CIA sotto ricatto (....) siamo completamente sicuri che mentre Moreno era a Ginevra aveva già stabilito una relazione molto stretta con la CIA e con il governo degli Stati Uniti perché sono stati scoperti conti segreti che aveva aperto a Panama, attraverso suo fratello, per depositare denaro proveniente dalla corruzione”, con questa parole all’agenzia Sputnik l’ex ministro degli Esteri ecuadoriano con Correa presidente, Ricardo Patiño, accusa Moreno di essere al servizio degli Stati Uniti. 

 

Un’accusa sostenuta da alcuni documenti presentati lo scorso 24 febbraio alla procura anticorruzione dal deputato Ronny Aleaga, del partito Revolución Ciudadana dell’ex presidente Correa, dove si accusa Lenin Moreno di aver acquistati un appartamento grazie a tangenti che avrebbe ricevuto quando era vicepresidente di Correa. "Ci sono sufficienti indicazioni di un ingiustificato aumento di patrimonio dell'attuale presidente dell'Ecuador, Lenín Moreno, che sono specificati nell'acquisizione di una proprietà di lusso in una delle zone più esclusive della Spagna, situata a Villajoyosa, attraverso società opache in paradisi fiscali”, denunciava Aleaga. 

 

Il caso nasce da un’inchiesta giornalistica comparsa sul portale digitale La Fuente, intitolata "Il labirinto offshore del circolo presidenziale" e pubblicata il 19 febbraio.

 

Secondo l’articolo, Ina Investment Corporation è una società opaca legata alla cerchia familiare di Moreno, originariamente costituita dal fratello del presidente.

 

Patiño ha affermato che Moreno probabilmente ha iniziato a collaborare con la CIA nel dicembre 2013, quando è stato nominato inviato speciale delle Nazioni Unite per i problemi di disabilità e accessibilità.

 

"La CIA e gli Stati Uniti devono aver trovato quel conto segreto, di cui non eravamo a conoscenza; lo abbiamo scoperto solo quando era già presidente... abbiamo chiesto per più di un anno di controllarlo e, come sempre, come Moreno che è un imbroglione di prim'ordine, è uscito pubblicamente quando non ha avuto altra possibilità che dire aprite il conto, ma ancora non è stato aperto”, ha detto Patiño.

 

L'ex ministro ha anche affermato che i cable statunitensi diffusi da Wikileaks indicano che il ministro delle Telecomunicazioni di Moreno, Andres Michelena, era un informatore della CIA.

 

"È una delle persone più vicine a Lenín Moreno, c'è un rapporto molto chiaro con la CIA (...) Michelena è l'unico dei funzionari sopravvissuto dal primo giorno.

Quando Moreno era vicepresidente, era il braccio destro e alla presidenza è l'unico rimasto".

 

Moreno ha vinto le elezioni come candidato per Alianza País, la forza che Correa ha guidato fino allo scorso anno.

 

Ma Moreno ha preso le distanze dalle politiche promosse da Correa e sono stati condotti processi contro i seguaci dell'ex presidente, come nel caso dell'ex vicepresidente Jorge Glas o Patiño.

 

I seguaci di Correa sottolineano che Moreno li ha traditi.

 

Lenin Moreno da quando ha assunto la presidenza ha ristabilito relazioni molto più strette con il governo degli Stati Uniti e ha concordato un prestito con il Fondo Monetario Internazionale (FMI).

 

Il 13 agosto, il governo dell'Ecuador e l'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale hanno tenuto la loro prima consultazione di cooperazione dopo 5 anni, dopo che nel 2014 Correa aveva deciso di espellere tale organo dal paese.

 

L'Ecuador sta vivendo una dittatura criminale

 

"Gli arresti, le persecuzioni e le irruzione subite dal movimento della Revolución Ciudadana (sinistra) accadono in dittatura (...) Esprimo il nostro rifiuto di questa dittatura che dobbiamo classificare come criminale. Anche prima delle proteste nelle settimane precedenti era una dittatura, perché lo Stato di diritto non era rispettato, c'era un abuso dei diritti umani, ma ora è una dittatura criminale, perché quello che hanno fatto è uccidere le persone", ha denunciato con forza Patiño a Sputnik.

 

La repressione è stata scatenata contro gli esponenti del partito di Correa, Revolución Ciudadana, col chiaro intento di operare una vera e propria epurazione contro la sinistra legata all’ex presidente dell’Ecuador e contraria alle manovre di Moreno. 

 

Le forze di polizia del regime di Moreno hanno fatto irruzione nelle case del prefetto di Pichincha, Paola Pabón, e quella dell'ex deputato e segretario esecutivo di Revolución Ciudadana, Virgilio Hernández, così come di altre cinque persone. Inoltre, il governo del Messico ha dato rifugio nella sua ambasciata a Quito a sei persone legate a Revolución Ciudadana. 

 

L'avvocato di Rafael Correa, Fausto Jarrín, ha affermato a Sputnik che il governo dell'Ecuador svolge attività di intelligence per monitorare e perseguitare i leader della Revolución Ciudadana con arresti e incursioni, oltre a "molestare" l'ambasciata messicana a Quito.

Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa