ETUC: Quasi 3 milioni di lavoratori europei senza riscaldamento

ETUC: Quasi 3 milioni di lavoratori europei senza riscaldamento

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Quasi tre milioni di lavoratori europei senza riscaldamento.
 
È questa la situazione secondo la Confederazione europea dei sindacati che, in uno studio pubblicato a fine settembre, denuncia la drammatica condizione di almeno 2.713.578 di persone. Un fenomeno che, guarda caso, interessa quasi esclusivamente il Sud Europa. In testa c’è Cipro, con la impressionante percentuale del 45,6%, e poi Bulgaria, Lituania, Portogallo, Grecia, Spagna e Italia. Cittadini europei già piegati da pandemia, recessione e compressioni salariali che adesso, a causa dei rialzi stellari dei costi energetici, si vedono costretti a scegliere se pagare le bollette e riscaldare le proprie abitazioni oppure dare da mangiare ai propri figli. Nonostante molti di essi lavorino a tempo pieno. E la stima di questo disastro sarebbe pure al ribasso, giacchè i dati non includono i lavoratori che percepiscono salari del 50% inferiori a quello medio nazionale. Ragion per cui i lavoratori al freddo potrebbero essere qualche milione in più.
Eppure, nonostante situazioni come questa indichino inequivocabilmente la regressione costante degli standard di vita dentro l’Ue, a Bruxelles si continua a parlare di transizione energetica e riduzione delle emissioni. Senza minimamente discutere di misure finalizzate a proteggere i cittadini dalla speculazione attuata dagli operatori di libero mercato.
 
Ed è questo il punto politico.
 
Se dentro la moderna e opulenta Unione europea si verificano situazioni come questa non è certo colpa degli eventi naturali. Milioni di lavoratori all’addiaccio, infatti, sono la diretta conseguenza di precise scelte politiche. Perché se è vero che l'Europa è un continente privo di risorse ed energeticamente non autosufficiente, è altrettanto vero che le sue istituzioni avrebbero tutti gli strumenti per disciplinare il mercato energetico. Ad esempio facendo un passo indietro lungo la strada delle privatizzazioni selvagge e consentendo così il ritorno del controllo statale di asset strategici come l’energia. Quel sistema di economia mista in vigore fino a tre decenni fa che riusciva efficacemente a frenare la folle corsa dei prezzi dell'energia. Calmierando i costi di un bene che, fino a prova contraria, è ancora di primissima necessità. Almeno finché qualche esperto di “green economy” non verrà a spiegarci che ci siamo riscaldati al di sopra delle nostre possibilità e dobbiamo tornare a soffiarci nelle mani per non inquinare il pianeta.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti