Evitare che l'Esercito siriano liberi Aleppo: Gli USA studiano la soluzione militare al conflitto in Siria

Evitare che l'Esercito siriano liberi Aleppo: Gli USA studiano la soluzione militare al conflitto in Siria

Secondo quanto riferisce la Reuters, Gli Stati Uniti stanno studiando un piano per bloccare l'offensiva dell'Esercito siriano.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo degli Stati Uniti ha avviato uno studio sulle misure per migliorare il supporto militare per l'opposizione siriana, e anche per attaccare le postazioni dell'esercito siriano, ha rivelato l'agenzia britannica Reuters, citando fonti dell'amministrazione nordamericana.


 
Secondo l'agenzia, la discussione si svolge a livello di esperti, ancora non c'è nessuna proposta concreta presentata per l'approvazione da parte del presidente degli Stati Uniti Le discussioni sono state considerate "forzate" nel contesto della complicazione dei negoziati tra Stati Uniti e Russia riguardo la Siria. Il Segretario di Stato Usa John Kerry ha dichiarato, ieri, in una conversazione con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov che Washington intende sospendere la cooperazione con Mosca sulla questione siriana, se non viene fermata l'offensiva ad Aleppo.
 
Possibili argomenti
 
Così, un modo per risolvere il conflitto comporta il rilascio di un permesso per i paesi del Golfo, che sostengono l'opposizione in Siria, per fornire armi ad alta tecnologia. Si noti che inizialmente gli Stati Uniti erano contro questa opzione. Allo stesso tempo, Washington ancora si oppone fermamente le forniture di missili anti-aerei portatili, che potrebbero cadere nelle mani dei terroristi, contro i quali combattere la US Air Force ed i suoi alleati.
Mentre lo scenario meno probabile è che ci siano attacchi aerei USA contro le basi di lancio di della Syrian Air Force, tuttavia, tali misure sarebbero molto rischiose anche a causa del fatto che tali azioni possono anche colpire l'Esercito russo. In questo senso, secondo le fonti della Reuters, sostenere l'opposizione sembra essere l'opzione più praticabile, fornendo armi aggiuntive o anche attraverso attacchi aerei.
 
Un'altra opzione potrebbe essere messo sul tavolo sarebbe l'invio in Siria di un maggior numero di forze speciali degli Stati Uniti a sostenere i gruppi siriani e curdi che si oppongono al governo.
 
Soluzione non diplomatica
 
Parlando della situazione ad Aleppo, le fonti della Reuters hanno spiegato che l'offensiva di successo dei soldati siriani ha "colto di sorpresa" il governo degli Stati Uniti, in quanto la città e la provincia nel suo complesso sono di importanza strategica per il conflitto armato che dura cinque anni e mezzo. Stabilire il controllo su Aleppo significa che il presidente siriano Bashar al Assad ha un vantaggio tangibile nella lotta contro l'opposizione.
 
In particolare,  poco prima, il portavoce del Dipartimento di Stato, John Kirby, ha confermato che i servizi che si occupano di questioni di sicurezza nazionale, discutono soluzioni al conflitto in Siria "non sono associate con la diplomazia" . Tuttavia, ha rifiutato di specificare quali.
Le fonti dell'agenzia britannica hanno precisato che se la "opzione militare" viene finalmente approvata, come precedentemente da Kerry si fermeranno i contatti con la Russia sulla Siria.
 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli