Ex membro delle Forze speciali USA dietro il fallito tentativo di colpo di stato contro Maduro

Ex membro delle Forze speciali USA dietro il fallito tentativo di colpo di stato contro Maduro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


L'agenzia di stampa AP ha citato diverse fonti, senza nome, comunicando che un gruppo di circa 300 "volontari pesantemente armati" ha tentato senza successo di rovesciare il presidente venezuelano Nicolas Maduro in un "colpo di stato privato" presumibilmente finanziato dai miliardari statunitensi.


 
Le fonti si riferivano al presunto coinvolgimento dell'ex berretto verde Jordan Goudreau nell'operazione che sarebbe stata guidata da Cliver Alcala, capofila dei disertori militari venezuelani. Ora è in prigione negli Stati Uniti per accuse di droga.
 
Per quanto riguarda Goudreau, si è ritirato nel 2016 ed è attualmente al timone di Silvercorp USA, una società di sicurezza privata situata vicino alla sua casa sulla costa spaziale della Florida, secondo AP. Goudreau ha rifiutato di commentare la questione, chiedendo le fonti della notizia.
 
Tuttavia, secondo AP, le autorità statunitensi e colombiane "stanno ponendo domande" sul ruolo di Goudreau nel fallito colpo di stato che ha seguito gli sviluppi alla fine di aprile 2019, quando uno sparuto gruppo di soldati [venezuelani] giurò lealtà al proclamato presidente del paese sudamericano Juan Guaido.
 
Secondo le fonti, il "colpo di stato privato" prevedeva che 300 volontari entrassero in Venezuela "dall'estremità settentrionale del Sud America", facendo irruzione nelle basi militari del paese e innescando una rivolta popolare che avrebbe dovuto culminare con l'arresto di Maduro.
 
Tuttavia, un tentativo di dare il via a una rivolta "è crollato sotto il peso collettivo della pianificazione succinta, la faida tra i politici dell'opposizione e una forza scarsamente addestrata che aveva poche possibilità di battere l'esercito venezuelano", ha osservato AP, riferendosi alla polizia colombiana che aveva fermato un camion portando "un deposito di armi e equipaggiamenti tattici nuovi di zecca" all'inizio di marzo.
 
In questo contesto, l'agenzia di notizie ha citato l'ex Navy SEAL Ephraim Mattos dicendo che "non c'era alcuna possibilità che [i volontari] avrebbero avuto successo senza un intervento militare diretto degli Stati Uniti". Ha aggiunto che "non caccerai via Maduro con 300 uomini affamati e inesperti".
 
Diosdado Cabello, membro dell'Assemblea Nazionale del Venezuela, da parte sua, ha affermato che il governo ha tenuto d'occhio il complotto per mesi.
 
“Sapevamo tutto. Alcuni dei loro incontri dovevamo pagare. È così che si sono infiltrati dove erano”, ha aggiunto.
 
 

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti