Ex soldato forze speciali polacche: l'Ucraina "prima o poi dovrà sedere al tavolo dei negoziati"

Ex soldato forze speciali polacche: l'Ucraina "prima o poi dovrà sedere al tavolo dei negoziati"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'Ucraina agisce come la Russia le permette di fare, ha dichiarato all'emittente Glos 24 un ex commando polacco che si fa chiamare con il nome in codice Naval.

"Nel calcio si dice spesso che qualcuno gioca nel modo in cui l'avversario glielo permette. E questo è anche il caso del conflitto [ucraino]", ha sottolineato l'ex commando diventato analista militare.

Ha inoltre sostenuto che Kiev non sarà in grado di riconquistare i territori persi perché la Russia è "troppo potente per essere buttata fuori".

"Gli ucraini, ovviamente, hanno il nostro forte sostegno [occidentale], ma sono più piccoli. Hanno molta meno forza e risorse. La Russia ha semplicemente un potenziale molto più grande sotto ogni aspetto", ha sottolineato l'analista.

L'ex soldato delle forze speciali polacche ha aggiunto di essere certo che l'Ucraina "prima o poi dovrà sedere al tavolo dei negoziati".

"Se qualcuno pensa che non accetteranno mai, si sbaglia, perché a questo punto l'Ucraina è con le spalle al muro", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti