Facebook vs Apple, una guerra senza esclusione di colpi

Facebook vs Apple, una guerra senza esclusione di colpi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg voleva danneggiare Apple per le sue critiche alla gestione dei dati degli utenti privati ??da parte del social network, nonché per le politiche della società di Cupertino che si impegnano a rispettare la privacy e cercano di limitare la capacità di Facebook di raccogliere le informazioni dwi possessori di un iPhone, secondo le rivelazioni di alcuni giorni fa  del The Wall Street Journal .

"Dobbiamo infliggere dolore", il giornale cita le presunte parole che Zuckerberg avrebbe detto alla sua squadra in privato dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, secondo fonti a consocenza con la conversazione in questione.

L'accesso improprio della società di consulenza ai dati di 87 milioni di utenti di Facebook e l'uso illegale di informazioni private hanno portato a forti critiche nei confronti del social network e delle sue pratiche di raccolta dati. Nel 2018, il CEO di Apple Tim Cook ha aggiunto benzina sul fuoco affermando in un'intervista che la sua azienda non si sarebbe trovata in una situazione del genere quando gli è stato chiesto di Cambridge Analytica.

Zuckerberg rispose all'epoca che i commenti di Cook erano "estremamente semplicistici" e "per niente fedeli alla verità". 

Gli attriti tra i due giganti della tecnologia non sono finiti qui, e l'escalation si è intensificata di recente, quando Cook, per non parlare direttamente di Facebook, si è scagliato contro "teorie del complotto alimentate da algoritmi" settimane dopo l'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti sostenitori di Donald Trump.

Durante quel discorso, il direttore esecutivo di Apple - che ritiene che gli strumenti di tracciamento presenti nelle applicazioni trasformino gli utenti in prodotti pubblicitari - ha parlato anche di un nuovo strumento per promuovere la privacy degli utenti iPhone che prevede di lanciare nei prossimi mesi e che potrebbe limitare la raccolta dei dati da parte di Facebook.

"Non si tratta di privacy per Apple"

Zuckerberg, a sua volta, ha definito Apple uno dei suoi concorrenti più formidabili e ha accusato l'azienda di utilizzare la sua piattaforma per interferire con il modo in cui funzionano le applicazioni di Facebook. La portavoce di Facebook Dani Lever ha anche scritto che ad "Apple non riguarda la privacy" e la società sta usando solo "il dominio del mercato per dare la priorità ai propri prodotti e servizi a scapito di tutti gli altri".

Lever ha osservato che le piccole e medie imprese, sviluppatori e consumatori perdono secondo le regole di Apple: "Apple afferma che si tratta di privacy, ma in realtà si tratta di profitto, e ci uniamo ad altri nel sottolineare questo comportamento egoistico e anticoncorrenziale".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti