Facebook ammette la verità: i ‘fact checks’ sono in realtà solo opinioni

Facebook ammette la verità: i ‘fact checks’ sono in realtà solo opinioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La verifica dei fatti, i cosiddetti ‘fact checking’ sui social network come Facebook, sono davvero oggettivi? Facebook ha affermato che i “fact checks”, ossia le verifiche, che fanno i social media per controllare ciò che gli utenti leggono e guardano sono solo "opinioni”.

A riportarlo è New York Post, che racconta di una causa legale intentata dal giornalista John Stossel contro Facebook. 

Stossel definisce la battaglia contro la cosiddetta ‘disinformazione’ sui social come una farsa. 

Il giornalista ha pubblicato un paio di video che hanno toccato un tema molto caro ai liberal statunitensi: il cambiamento climatico. I video sono stati bollati come disinformazione sui social. Ma nei video non si discuteva sul fatto se il cambiamento climatico sia reale o meno, di altre questioni, la la gestione delle foreste e l'uso della tecnologia per adattarsi. Eppure la terza parte che Facebook incarica di rivedere questi pezzi, Science Feedback, li ha contrassegnati come "falsi" o “fuori contesto”. 

Questo perché Science Feedback non ha gradito il tono utilizzato da Stossel, scrive il giornale statunitense: «Cioè, non puoi scrivere nulla sul cambiamento climatico a meno che tu non dica che è il peggior disastro nella storia dell'umanità e che dobbiamo spendere migliaia di miliardi per combatterlo».

Per questo motivo Facebook ha bannato Stossel, privandolo di lettori e entrate. Ma una volta citato in giudizio dal giornalista il social ha scaricato le proprie responsabilità su Science Feedback. 

Il Post ha quindi raccontato la sua esperienza con le censure di Facebook e altri social. 

«Nel febbraio 2020, abbiamo pubblicato un articolo di Steven W. Mosher che chiedeva se il COVID-19 fosse fuoriuscito dal laboratorio di Wuhan. Questo è stato etichettato come "falso" dai fact-checker di Facebook.

Naturalmente, quei presunti revisori scientifici "indipendenti" si affidavano a un gruppo di esperti che avevano un interesse nel respingere quella teoria, incluso EcoHealth, che aveva finanziato il laboratorio di Wuhan.

Quando Twitter ha "verificato i fatti" e ha bloccato le inchieste di The Post sul laptop di Hunter Biden perché "materiali hackerati", qual è stata la base? Niente. Non era materiale hackerato; cercavano solo una scusa. Immaginiamo che non gli sia piaciuto il nostro tono.

In entrambi questi casi, i nostri "fact checks" sono stati revocati, ma solo dopo che non aveva più importanza.

L'industria del controllo dei fatti è finanziata da magnati liberali come George Soros, organizzazioni non profit finanziate dal governo e gli stessi giganti della tecnologia. I checkers non sono arbitri imparziali della verità; sono utili distrazioni, gruppi che Facebook può utilizzare per assolversi da responsabilità. Al diavolo la libertà di parola». 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti