ALBA LATINA/Fake news, Maduro vuole la CNN «fuori dal Venezuela»

Fake news, Maduro vuole la CNN «fuori dal Venezuela»

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

«La CNN non metta il suo naso in Venezuela. La CNN stia lontana. Voglio la CNN lontano da qui. Fuori la CNN dal Venezuela! Fuori!», queste le parole di Maduro

 

L’emittente statunitense CNN continua a diffondere la notizia dove si afferma che l’ambasciata venezuelana in Iraq avrebbe consegnato in maniera fraudolenta dei passaporti venezuelani, nonostante il ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana, Delcy Rodriguez, abbia chiarito alla stessa catena televisiva che si tratta di una «menzogna». 

 

A questo punto è intervenuto il Presidente Nicolás Maduro, dichiarando di volere la Cable News Network fuori dal Venezuela. «La CNN non metta il suo naso in Venezuela. La CNN stia lontana. Voglio la CNN lontano da qui. Fuori la CNN dal Venezuela! Fuori!», queste le parole di Maduro che ha espresso tutta la propria indignazione per l’ennesima fake news diffusa impunemente con l’obiettivo di destabilizzare il paese. 

 

D’altronde non è la prima volta che l’emittente statunitense diffonde fake news sul Venezuela. Già in passato Maduro aveva avvertito la CNN che avrebbe provveduto a chiudere la sua sede in Venezuela se fosse continuata la «propaganda di guerra» volta a mostrare al mondo un’immagine falsa della situazione nel paese.  

 

Ancora una volta il binomio Venezuela-fake news sembra inscindibile, almeno per quanto riguarda il circuito informativo mainstream. Attendiamo (invano) l’indignazione dei ‘cacciatori’ di bufale in rete, che si mostrano quantomeno strabici quando si tratta di verificare le notizie provenienti dal mainstream.

Fonte: http://www.hispantv.com/
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa