FAZ - "Contro Bce presto più nessuna ristrutturazione del debito"

FAZ - "Contro Bce presto più nessuna ristrutturazione del debito"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Heike Göbel - FAZ

 

Un nuovo studio dell'Istituto di ricerca economica Mannheim ZEW fornisce munizioni per ulteriori controversie legali e politiche sugli acquisti di titoli di stato della Banca centrale europea (BCE).

 

 

 

Documenta che la BCE ha notevolmente indebolito le proprie regole originali per i programmi di acquisto chiave negli ultimi cinque anni.

 

 

 

Tuttavia, recentemente non ha neppure rispettato queste norme indebolite, come dimostra un'analisi della quantità e della distribuzione degli acquisti tra i singoli paesi dell'euro.

 

 

 

La constatazione può essere giuridicamente significativa in quanto le norme sulla limitazione degli acquisti di obbligazioni hanno svolto un ruolo centrale nelle azioni contro la BCE per valutare se gli interventi della banca centrale hanno superato il limite dei proibiti finanziamenti monetari degli Stati.

 

 

L'economista Annika Havlik e il suo collega Friedrich Heinemann sottolineano un punto esplosivo nello studio non ancora pubblicato: almeno con il suo nuovo programma di emergenza "PEPP", con il quale aiuta i paesi dell'euro nella lotta contro la pandemia di corona, la BCE ha effettivamente lasciato cadere tutte le restrizioni.

 

 

Lì, pure i limiti superiori per emissione ed emittente sono stati abbandonati.

 

 

 

"Ciò significa in parole povere che l'Eurosistema avrà presto una minoranza di blocco per tutte le negoziazioni di ristrutturazione del debito con gli Stati dell'euro sovra-indebitati.

 

 

 

Non sarà quindi più possibile alcun disindebitamento contro [il parere del] il Consiglio direttivo Bce", ha affermato Heinemann alla F.A.Z.

 

 

 

Non può mostrarsi in modo più chiaro, dal suo punto di vista, come l'Eurosistema - vale a dire la BCE insieme alle banche centrali nazionali dell'area dell'euro - abbia ora "assunto un ruolo chiave nelle finanze pubbliche".

 

 

 

Nella crisi acuta, tuttavia, ciò era giustificabile, dicono Havlik e Heinemann.

 

 

 

In questi drammatici mesi, BCE ha dovuto reagire in modo flessibile, un nuovo panico sul mercato è stata l'ultima cosa che l'Europa potrebbe usare ora.

 

 

 

Ma dopo che la recessione si è attenuata, gli acquisti di obbligazioni con questi volumi e gli squilibri nazionali risultanti dovrebbero non proseguire, avvertono.

 

 

Nel frattempo, anche i criteri formulati dalla Corte di giustizia europea a favore di BCE in una sentenza del dicembre 2018 sarebbero stati violati.

 

 

Lo studio si basa principalmente sull'analisi degli acquisti di titoli di stato nell'ambito del "Programma di acquisto del settore pubblico", o PSPP in breve, iniziato nel 2015, poiché il programma sulla pandemia di PEPP è stato deciso solo a marzo.

 

Inizialmente, il PSPP era strettamente basato sulla capital key di BCE; gli acquisti di obbligazioni dovrebbero essere proporzionali alle azioni delle banche centrali nazionali dell'Eurosistema nella BCE, scrivono gli autori.

 

 

Questa condizione è stata allentata a favore degli acquisti di titoli di stato da parte di paesi dell'euro fortemente indebitati.

 

 

Belgio, Italia, Francia e Spagna sono ora fortemente sovrappeso, la Germania sottopeso.

 

 

Un ulteriore allentamento è avvenuto riducendo i requisiti minimi di affidabilità creditizia dei debitori, la durata residua e i rendimenti.

 

 

Il tentativo dell'Eurosistema di effettuare acquisti utilizzando la capital key non ha avuto successo, sostengono gli autori.

 

 

 

Le deviazioni dalla capital key non sono solo da osservare temporaneamente, ma possono anche essere osservate nel portafoglio obbligazionario.

 

 

 

La tendenza a sovrappesare i paesi fortemente indebitati può anche essere vista chiaramente prima dello scoppio della pandemia.

 

 

L'impatto dei programmi di acquisto della BCE diventa più chiaro rispetto ai risultati economici o al debito pubblico.

 

 

 

A causa dei maggiori e accelerati acquisti causati dalla pandemia, l'Eurosistema potrebbe già detenere un terzo del proprio debito nazionale nell'area dell'euro all'inizio del prossimo anno, secondo lo studio intitolato "Sliding down the slippery slope?".

 

 

 

E per i singoli paesi dell'euro, il finanziamento del governo monetario indiretto da parte della BCE dovrebbe coprire i deficit record da corona quest'anno.

 

 

 

Lo studio, finanziato dalla Strube Foundation, sarà pubblicato questa settimana.


(Traduzione di Musso)

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai