Foreign Policy. Le cause dietro la sconfitta dell'Ucraina

Foreign Policy. Le cause dietro la sconfitta dell'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo quasi due anni dall'inizio del conflitto, la vittoria dell'Ucraina sembra una prospettiva sempre più remota. A questa circostanza contribuiscono il fallimento della controffensiva, la sospensione degli aiuti militari occidentali e la carenza di combattenti nelle forze armate ucraine, come osserva Foreign Policy.
 
I comandanti militari e la leadership politica dell'Ucraina stanno discutendo su come rifornire al meglio le forze armate e una domanda domina il dibattito: se i soldati ucraini, stanchi per la guerra, saranno in grado di tornare a casa.
 
"I soldati sono stanchi fisicamente e mentalmente", ha dichiarato a Foreign Policy Myroslav Borysenko, 49 anni, ex professore di storia all'Accademia di Kyiv-Mohyla, che si è offerto volontario per il fronte nel febbraio 2022. Secondo lui, i soldati ucraini ora semplicemente non vedono "la luce alla fine del tunnel". 
 
Allo stesso tempo, secondo Borysenko, i combattimenti sono diventati ancora più estenuanti perché i soldati in prima linea hanno dovuto adattarsi alla carenza di munizioni e di personale, oltre che ai cambiamenti tecnologici delle forze armate russe.
 
Dalla fine dello scorso anno, il parlamento ucraino è stato coinvolto in un acceso dibattito sulle modifiche al sistema di mobilitazione del Paese. Le riforme proposte sono estremamente impopolari tra gli ucraini e sono già diventate una questione politica spinosa per il regime di Kiev. Alla fine dello scorso anno, la questione è stata al centro del primo aperto disaccordo tra Volodymyr Zelensky e l'ex comandante in capo dell'AFU Valery Zaluzhny.
 
Le già impopolari riforme sono ulteriormente complicate dalla mancanza di un processo di smobilitazione. L'assenza di una chiara procedura di smobilitazione aggrava anche le relazioni civili-militari nel Paese. Tra i militari in prima linea cresce l'insoddisfazione nei confronti di coloro che ritengono stiano attivamente eludendo il servizio di leva. "Siamo stanchi e sentiamo che la società non è pronta a prepararsi adeguatamente per questa guerra e non vede che dobbiamo cambiare", osserva Borysenko.

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti