Francobolli in onore di Stalin e Oleg Buzina saranno pubblicati nella Repubblica Popolare di Donetsk nel 2019

Francobolli in onore di Stalin e Oleg Buzina saranno pubblicati nella Repubblica Popolare di Donetsk nel 2019

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Francobolli in onore di Stalin e Oleg Buzina saranno pubblicati nella Repubblica Popolare di Donetsk nel 2019     

di Enrico Vigna SOS Donbass/CISDU - CIVG

1 febbraio 2019

  
Quest'anno l'impresa statale  “Poste del Donbass” pubblicherà 20 nuovi francobolli. Tra questi ci sono francobolli dedicati a Joseph Stalin e Oleg Buzina.



Questo è stato annunciato oggi dal servizio stampa dell'impresa, come segnalato da Roman Pevrev.

"Oggi, 1 febbraio 2019, il Donbass Post presenta ufficialmente un piano per l'emissione di buoni di stato di pagamento postale, buste e francobolli per il 2019. Sono previsti venti numeri di francobolli nuovi, dedicati a persone eccezionali, eventi importanti, date importanti e vacanze professionali. I filatelici saranno compiaciuti dai nuovi francobolli commemorativi, così come i francobolli soggettivi e i blocchi postali ", ha annunciato il comunicato.
I francobolli sono programmati per il rilascio nel 140° anniversario della nascita di Joseph Stalin (il marchio sarà messo in circolazione postale il 18 dicembre), nel 50 ° anniversario del famoso scrittore e giornalista ucciso dai nazionalisti ucraini, Oles Buzina (l’introduzione alla circolazione postale avverrà il 12 luglio).
 
Oles Buzina, era un famoso e stimato giornalista e scrittore ucraino, protagonista di numerosi dibattiti politici nella TV ucraina, dove denunciava e accusava, con dati e documentazioni inoppugnabili la realtà della “nuova” Ucraina e del ruolo dello squadrismo neonazista.
Dopo innumerevoli minacce, fieramente si rifiutò di scappare, affermando che l’Ucraina era il suo paese e lui era un patriota ucraino. Assassinato il 16 aprile 2015 in un agguato sotto casa sua a Kiev, con  una tecnica da professionisti. Ha lasciato la moglie e una figlia piccola, Mariia.
In quei giorni, in 72 ore furono uccisi altri due oppositori del regime golpista, naturalmente in occidente nessuna indignazione o manifestazioni di protesta dei giornalisti e media “democratici” nostrani. E, naturalmente, dopo quasi quattro anni NESSUN COLPEVOLE.
Il 15 aprile 2015,un commando ha ucciso Sergej Sukhobok blogger responsabile di un piccolo giornale che criticava le politiche del governo e sosteneva le ragioni della gente del Donbass ribelle. Poco prima, nel pomeriggio, altri killer avevano compiuto un'identica missione sotto casa di Oleg Kalashnikov, ex deputato del Partito delle Regioni e grande oppositore dei movimenti che avevano protestato l'anno prima sulla Piazza Majdan di Kiev e che ora gestiscono il Paese.
Tre omicidi politici in meno di 24 ore nell’indifferenza dei paesi democratici occidentali. Purtroppo era solo un inizio, in questi anni la lista degli assassinii politici degli oppositori è continuata incessante.

 

A cura di Enrico Vigna SOS Donbass/ SOS Ucraina Resistente/CIVG
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti