Gennady Zyuganov (partito comunista russo): "La Russia sta proteggendo l'umanità dal fascismo"

Gennady Zyuganov (partito comunista russo): "La Russia sta proteggendo l'umanità dal fascismo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pubblichiamo l'ultimo comunicato di Gennady Zyuganov, Presidente del Comitato Centrale del Partito comunista della federazione russa, sul conflitto in corso in Ucraina.

 

--------------------------------------------------------

 

Partito comunista russo: La pandemia di Covid e i tentativi di creare armi biologiche in Ucraina - una minaccia diretta a tutta l'umanità 

Dichiarazione di Gennady Zyuganov, Presidente del Comitato Centrale del Partito comunista della federazione russa

Durante l'operazione delle Forze Armate della Russia per liberare l'Ucraina dal nazismo sono state confermate le informazioni sulla presenza sul territorio ucraino di una trentina di laboratori biologici del Dipartimento della difesa degli Stati Uniti. Secondo i documenti, la ricerca là organizzata poteva servire allo sviluppo di armi biologiche. Dal crollo dell'URSS, l'Ucraina è stata costantemente trasformata in una testa di ponte della NATO contro la Russia. Di conseguenza, il paese è inondato di armi NATO. Allo stesso tempo, l'industria un tempo avanzata è stata distrutta. Le politiche dei gruppi oligarchici hanno costantemente abbassato il livello di vita del popolo.

Libri di testo scolastici e universitari sono stati scritti da ideologi che si rifacevano ai collaborazionisti. Fatti e fenomeni della nostra storia comune sono stati grossolanamente distorti nello spirito dell'antisovietismo e della russofobia. Come risultato di questa situazione, la popolazione dell'Ucraina è stata ridotta di 12 milioni di persone.

Ma anche questo non fu sufficiente. Già nel 2005, sono stati firmati accordi tra l'Ucraina e gli Stati Uniti sulla cooperazione nella ricerca su peste, colera, antrace e altre malattie mortali. Duecento milioni di dollari sono stati stanziati per questo scopo. Tra le altre cose, hanno studiato i modi in cui il coronavirus si diffonde attraverso i pipistrelli e gli uccelli. Da giovane ho avuto l'opportunità di servire nel Gruppo d'Armata sovietico in Germania nella ricognizione delle armi atomiche, chimiche e batteriologiche. Conosco in prima persona la natura disumana di queste forme di distruzione umana. Persino un mostro come Adolf Hitler non osò usare armi chimiche durante la seconda guerra mondiale. Ora sono venuti alla luce i dettagli di come gli Stati Uniti hanno violato la Convenzione sul divieto di sviluppo, produzione e stoccaggio di armi batteriologiche (biologiche) e tossiche, adottata nel 1972. La palese violazione di Washington dei suoi obblighi internazionali rappresenta una minaccia per tutta l'umanità. Il mondo continua a cercare le cause della pandemia di COVID-19.

Già nel dicembre 2019, Pechino informò l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) della comparsa di una malattia respiratoria di origine sconosciuta a Wuhan. Anche se la possibilità di trasmissione da uomo a uomo del nuovo virus non era ancora stata dimostrata, Pechino impose severe misure di quarantena e non nascose nulla. Le autorità cinesi invitarono un team di esperti dell'OMS a studiare la situazione. Dalle ricerche è stato chiarito che l'origine in laboratorio del virus in Cina era improbabile. Gli Stati Uniti, d'altra parte, hanno incolpato la Cina senza prove. Sotto l'enorme pressione di Washington, l'OMS ha chiesto che la Cina fosse nuovamente ispezionata. Pechino ha giustamente sentito che questo era contrario al buon senso e ai dati oggettivi. La parzialità dell'OMS è evidenziata dal fatto che ignora ostinatamente le richieste ufficiali di Pechino di ispezionare i bio-laboratori statunitensi di Fort Detrick e della North Carolina State University.

È a Fort Detrick che si trova il Walter Reed Research Institute dell'esercito americano. È dedicato alla ricerca biomedica. Un gruppo di scienziati guidati da Ralph Barick della North Carolina State University ha lavorato a stretto contatto con questo laboratorio. I risultati delle loro ricerche sono stati pubblicati. Già nel 2003, era chiaro che gli Stati Uniti avevano ottenuto tecnologie avanzate per sintetizzare e modificare i coronavirus. Nell'agosto 2019, i principali media statunitensi riferivano che il laboratorio di Fort Detrick stava chiudendo a causa di problemi "nello sbarazzarsi di materiali pericolosi". Questo arrivava dopo un'ondata di infezioni con una malattia i cui sintomi assomigliavano fortemente al COVID-19. I funzionari hanno dato la colpa agli effetti collaterali delle sigarette elettroniche.

Nel frattempo, i segni di un'infezione simile sono stati rilevati nella delegazione statunitense che partecipava ai Giochi militari mondiali di Wuhan nell'ottobre 2019. Quindi la probabilità che il coronavirus provenga dai laboratori statunitensi è estremamente alta. E i tentativi di Washington di incolpare la Cina sono un tentativo di evitare la responsabilità dei propri crimini. Anche lo sviluppo di armi biologiche in Ucraina è stato condotto in condizioni di massima segretezza. La popolazione del paese non ha capito le cause delle epidemie di una serie di malattie pericolose, perché ai tempi dell'Unione Sovietica il morbillo e la difterite, la tubercolosi e la poliomielite erano stati eliminati. Oggi è diventato chiaro che le tracce di questi problemi portano agli scienziati biologici militari statunitensi.

Ci riferiamo a decine di laboratori sparsi in tutto il paese, anche vicino ai confini della Russia. Possiamo vedere chiaramente lo sviluppo di armi genetiche contro i popoli slavi di Russia, Bielorussia e Ucraina. Viene in mente l'oscura storia dell'Unità 731 giapponese durante la seconda guerra mondiale. Preparando la guerra con l'URSS, questa unità eseguì terribili esperimenti sulle persone. Dopo la sconfitta del Giappone, il personale e la documentazione dell'unità finirono negli Stati Uniti. In seguito, particolari tipi di armi pericolose furono usate dagli americani in Corea e in Vietnam. E ora l'Ucraina è stata trasformata in un gigantesco laboratorio per lo sviluppo di armi biologiche vietate. Il mondo intero deve finalmente capire che nell'operazione in Ucraina, la Russia sta proteggendo l'umanità dal fascismo.

I popoli del pianeta devono unirsi per lottare contro la peste nera, i cui bacilli risorgono e si diffondono in Europa con l'appoggio delle autorità statunitensi. Gli sforzi congiunti di tutte le persone di buona volontà sono necessari per fermare questa terribile minaccia.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti