Germania, ministro dell'Interno consiglia ai cittadini tedeschi di fare scorte di alimenti

Germania, ministro dell'Interno consiglia ai cittadini tedeschi di fare scorte di alimenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Se l’intento è quello di incutere ancora più paura nella popolazione ci stanno perfettamente riuscendo. Quando un ministro di un governo, per giunta tedesco, fa questo c’è poco da stare tranquilli. All’apparenza insensati, ma che provocano una profonda inquietudine.

Il ministro dell'Interno tedesco Nancy Faeser ha consigliato ai suoi cittadini di mantenere una riserva di cibo in caso di crisi. "Quando in effetti l'elettricità viene a mancare per un tempo più lungo o la vita quotidiana è altrimenti limitata, allora è comunque ragionevole avere una riserva [di cibo] per un'emergenza", ha dichiarato durante un'intervista a Handelsblatt, pubblicata domenica scorsa.

Le emergenze sarebbero i casi di guerre, pandemie, crisi climatica. I tre pilastri sui quali si governerà con la paura e il terrore.

Il ministro ha indicato, in tale contesto, che l'elenco è stato redatto dall'Ufficio federale della protezione civile e dei soccorsi in caso di calamità. Secondo il documento in questione, ogni persona ha bisogno per 10 giorni:

  • 20 litri di bevande
  • 3,5 chilogrammi di cereali, pane, patate, pasta e riso
  • 4 chilogrammi di verdure e legumi
  • 2,5 chilogrammi di frutta e noci
  • 2,6 chilogrammi di latte e/o latticini
  • 1,5 chilogrammi di carne, pesce, uova o uova intere in polvere
  • 357 grammi di grassi e olio
  • Altri cibi secondo il gusto di ogni persona

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti