Gkn, Fumata nera sui licenziamenti. Protesta operai alla sede della Regione Toscana

Gkn, Fumata nera sui licenziamenti. Protesta operai alla sede della Regione Toscana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Alla Prefettura di Firenze, dove i lavoratori della Gkn si sono fatti sentire, c'è stata la fumata nera annunciata dalla Fiom dopo l'incontro tra sindacati, azienda, Mise, Ministero del Lavoro e Regione Toscana.

Secondo le disposizioni di legge, dall'annuncio del licenziamento, avvenuto lo scorso 9 luglio, ci sono 75 giorni di tempo, quindi entro il 22 settembre, per evitare le lettere di licenziamento.

La Gkn resta sulle sue posizioni, ribadendo la proposta "la cassa integrazione per cessazione dell'attività, ricollocamento dei lavoratori e una riconversione industriale" del sito di Campi Bisenzio tramite un mandato da conferire ad un advisor per "salvaguardare i livelli occupazionali e la continuità produttiva".

Ci sono centinaia di realtà produttive in Italia, ( vedi la Fiat che chiuse a Termini Imerese e sappiamo che fine ha fatto la conversione con scandali e ruberie di denaro pubblico), che sono naufragate con questa sorte di proposte.

Visto l'esito inconcludente del Tavolo, i lavoratori della Gkn hanno organizzato una protesta a sorpresa davanti alla sede della Regione Toscana salco poi entrare all'interno con cori e gli striscioni prima di essere ricevuti da Valerio Fabiani, consigliere per il Lavoro del Governatore toscano, Giani.

 Resta certo che è solo l'inizio di una lunga battaglia sindacale che non riguarda un singolo stabilimento italiano, ma tutti i lavoratori, precari italiani.

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra