Gli ATACMS, la via per la Terza guerra mondiale

Gli ATACMS, la via per la Terza guerra mondiale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L’editoriale del New York Times di ieri sulla necessità di un dibattito aperto sulla guerra ucraina cade come un fulmine a ciel sereno, anche se di sereno in giro c’è ben poco. La nota ripete gli usuali topos narrativi, né ci si può aspettare che un intervento tanto autorevole sconfessi le linee guida alle quali si è attenuto tanto ferocemente, che sono la necessità di sostenere fermamente l’Ucraina, il rischio dell’effetto domino, la prospettiva di un ausilio a lungo termine a Kiev, la convinzione che spetta agli ucraini decidere etc.

Sostenere l’Ucraina sì, ma…

E però, contiene alcuni cenni importanti. Riportiamo: “Sostenere fermamente l’Ucraina, tuttavia, non esclude un dibattito aperto sulla portata e la durata del sostegno americano o su come la guerra possa finire. Al contrario, un impegno di questa portata e conseguenze richiede un dibattito per giustificare il sostegno”.

Quindi, il cenno sulla necessità di porre dei limiti a tale ausilio: “L’amministrazione Biden ha già posto alcuni limiti al proprio sostegno all’Ucraina in questo conflitto, ed è necessario calibrare continuamente il sostegno rispetto a tali limiti. L’amministrazione ha giustamente insistito, ad esempio, sul fatto che non aiuterà l’Ucraina ad attaccare Mosca o in qualsiasi altro modo che possa trascinare la NATO in una guerra diretta con la Russia”.

“Ma ci sono altre domande con cui confrontarsi: una massiccia disfatta delle forze russe spingerebbe la Russia a schierare armi nucleari tattiche? Quali sarebbero le conseguenze se si permettesse agli alleati della NATO di fornire all’Ucraina aerei da combattimento F-16 ? Mentre gli F-16 migliorerebbero notevolmente la capacità dell’Ucraina di contrastare gli attacchi missilistici russi [possibilità molto relativa ndr], velivoli tanto sofisticati rappresentano anche un’escalation qualitativa delle capacità militari dell’Ucraina, quindi la NATO dovrà considerare attentamente quali delle capacità letali del jet includere nell’accordo” [gli F-16, infatti, possono essere armati con testate nucleari ndr].

“Biden e i suoi consiglieri dovrebbero anche essere più sinceri con l’opinione pubblica americana riguardo a ciò che non sanno sulla durata di questo conflitto e sul suo esito. Le guerre sono imprevedibili, e questa ha preso molte svolte sorprendenti“. Considerazioni, queste ultime, interessanti perché toccano una delle più alte criticità di questa guerra: la possibilità di uno scontro termonucleare.

Gli ATACMS, la via per la Terza guerra mondiale

Tale possibilità è incrementata ultimamente dai segnali di un ripensamento degli americani riguardo la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS, finora negati. Probabile che l’ulteriore escalation, se ci sarà, sarà modulata, magari diminuendo la gittata dei missili com’è avvenuto per gli HIMARS e annunciando una fornitura limitata.  Ma è un segreto di pulcinella che i limiti agli armamenti imposti dai fornitori NATO vengono poi elusi facilmente dai tramiti e dagli utilizzatori finali.

La settimana prossima Zelenky volerà a New York e incontrerà Biden. Possibile che il presidente americano colga l’occasione per annunciare al mondo la fornitura degli ATACMS.

Ciò oscurerebbe il fallimento della controffensiva ucraina, rilanciando le sue possibilità di una vittoria sui russi – impossibile – a una nuova controffensiva primaverile, con la vittoria assicurata dalle nuove armi magiche (lo si diceva anche per i javelin, gli HIMARS, i Leopard etc).

L’annuncio avrebbe anche uno scopo di stretta politica interna, quello di ricompattare il partito della guerra americano attorno al senescente presidente – la cui ricandidatura sta vacillando che in tal modo inizierebbe la lunga strada verso la rielezione.

Resta, quindi, la possibilità di un’ulteriore escalation, che si basa sull’ennesimo azzardo, che suona così: dal momento che la Russia non ha reagito in maniera dura alle escalation precedenti, si presume che chiuderà un occhio anche su questa.

Qualcuno dovrebbe spiegare agli strateghi americani che approcciare una guerra come fosse una partita di poker non è il massimo dell’intelligenza. “Le guerre sono imprevedibili”, annota appunto il New York Times citato, e giocare d’azzardo in uno scenario tanto imprevedibile e tanto a rischio è inaccettabile.

Tutti sanno come sono iniziate le due guerre mondiali, ma nessuno dei leader politici del tempo aveva contezza di quanto sarebbe avvenuto al momento in cui si compivano passi verso tale sviluppo.

Lo stesso Hitler invadendo la Polonia aveva compiuto un azzardo, immaginando che nessuno sarebbe corso in aiuto di Varsavia com’era avvenuto in precedenza per l’annessione dei Sudeti e l’Anschluss

Concludiamo riportando quanto ricorda Responsible Statecraft: “Nel luglio 2022, Jake Sullivan [Consigliere per la Sicurezza nazionale ndr] disse che l’invio di missili a lungo raggio all’Ucraina avrebbe rischiato di porre gli Stati Uniti e la Russia ‘sulla via della terza guerra mondiale’”. Siamo alla follia conclamata.

N.B. nella foto di copertina il lancio di un missile ATACMS.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti