Gli Emirati firmano un accordo con la Francia per l'acquisto di 80 caccia Rafale

Gli Emirati firmano un accordo con la Francia per l'acquisto di 80 caccia Rafale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Francia segna un altro contratto remunerativo per le proprie aziende: l’Eliseo ha infatti annunciato la vendita di 80 caccia agli Emirati Arabi Uniti (UAE) per un importo di 16 miliardi di euro, di cui saranno pagati 2 per l’acquisizione degli armamenti. 

L'accordo sarà firmato durante una breve visita del presidente francese Emmanuel Macron a Dubai, prima tappa di un tour del Golfo Persico che lo porterà poi in Qatar e Arabia Saudita.

A Dubai, Emmanuel Macron è accompagnato da una nutrita delegazione di ministri, tra cui Jean-Yves Le Drian (Affari esteri), Bruno Le Maire (Economia) e Florence Parly (Difesa), oltre a i massimi dirigenti di aziende come Airbus, Thales, Air Liquide o EDF. E. La FRancia prevede di chiudere molti contratti. 

Ma quello riguardante la vendita di Rafale, è più sostanzioso del previsto - 80 velivoli invece di 60 - quindi di gran lunga il più importante e remunerativo. 

Dovrebbe consentire agli Emirati Arabi Uniti di sostituire gradualmente i 60 Mirage 2000 acquisiti alla fine degli anni '90, diventando così il sesto Paese a inserire nella propria flotta il caccia multiruolo francese, già acquisito dal vicino Qatar (36 velivoli), ma anche da Croazia (12), Egitto (24), Grecia (24) e India (36). 

Gli Emirati Arabi Uniti sono attualmente il quinto cliente dell'industria della difesa francese nel decennio 2011-2020, con 4,7 miliardi di euro di ordinativi, secondo il rapporto al Parlamento sulle esportazioni di armi dalla Francia. 

Negli ultimi anni, tuttavia, Parigi è stata oggetto di critiche anche aspre perché alcune di queste armi sarebbero state utilizzate nel conflitto in Yemen, dove l'Arabia Saudita e i suoi alleati sono accusati di crimini di guerra da diverse ONG. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe