Gli F-35 destinati alla Marina assegnati all'Aeronautica. Lite nelle forze armate italiane

Gli F-35 destinati alla Marina assegnati all'Aeronautica. Lite nelle forze armate italiane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Per qualcuno rappresentano una specie di truffa. Secondo il giornalista investigativo David Lindorff non sarebbero pronti per volare. Stiamo parlando dei caccia F-35 per accaparrarsi i quali sarebbe in corso un braccio di ferro interno alle forze armate italiane. 

 

Secondo quanto riporta l’agenzia Adnkronos, Aeronautica e Marina sono entrambe interessate all’assegnazione dei caccia di nuova generazione a decollo verticale. Con l’Aeronautica che sarebbe riuscita a spuntarla grazie al capo di Stato maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli, proveniente proprio dalle fila dell’Aeronautica. 

 

I caccia prodotti dalla statunitense Lockheed Martin in un primo momento avrebbero dovuto essere assegnati alla Marina, ma l’intervento di Vecciarelli - secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa - avrebbe provocato questo cambio di destinazione con conseguente arrabbiatura del capo di Stato maggiore della Marina Militare, Valter Giardelli. 

 

L’Adnkronos riferisce come nella vicenda sia entrata anche la ministra della Difesa Elisabetta Trenta: «Nei corridoi si racconta di liti senza precedenti e telefonate roventi. C'è chi addirittura sostiene che nella disputa sia entrata la ministra Elisabetta Trenta, protagonista di una scenata a Vecciarelli che avrebbe lasciato il segno. Ma dal ministero frenano, assicurano che Trenta è intervenuta sì, ma solo per mediare. Con una lettera, dai toni cordiali, in cui invita il capo di Stato maggiore della Difesa ad attenersi alle linee programmatiche definite dal ministero. Nella commessa di F35 -ad opera del precedente governo e che tanto ha fatto discutere in passato- ci sarebbero infatti aerei tradizionali ed altri, appunto, a decollo verticale. Questi ultimi, proprio per la loro particolare caratteristica, si prestano a spiccare il volo e ad atterrare anche in spazi limitati, come i ponti delle portaerei: per questo, la Marina militare era stata scelta per le prime consegne di F35 a decollo verticale. Prima che Vecciarelli decidesse diversamente».

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO