Gli "incompetenti" leader occidentali farebbero meglio a "pensarci due volte" prima di provocare la Cina

Gli "incompetenti" leader occidentali farebbero meglio a "pensarci due volte" prima di provocare la Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Ian DeMartino - Sputnik

Le tensioni tra Stati Uniti e Cina sono aumentate poiché gli Stati Uniti sono stati più aggressivi affermandosi nel Mar Cinese Meridionale, hanno avviato alleanze militari con Australia e Giappone e hanno posizionato truppe statunitensi su piccole isole taiwanesi in vista della terraferma cinese.

Dopo il fallimento in Ucraina, l’Occidente collettivo dovrebbe “pensarci due volte” prima di provocare un conflitto con la Cina, ha dichiarato mercoledì a The Critical Hour di Sputnik il veterano militare, scrittore e consulente geopolitico internazionale Dr. David Oualaalou.

Parlando dei piani della NATO di aprire un ufficio in Giappone, Oualaalou ha affermato che “non ha alcun senso” istituire un ufficio per l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico nel Pacifico a meno che “non sia lì che si svolgerà il prossimo conflitto”.

"I leader occidentali, per quanto incompetenti, farebbero meglio a pensarci due volte, perché la Cina non è l'Ucraina", ha avvertito Oualaalou.

La posizione aggressiva degli Stati Uniti non deriva dal processo democratico, ma da quella che Oualaalou ha definito "la mano nascosta" dei produttori di armi come Lockheed Martin e Raytheon. "Sono loro a spingere verso questa direzione [della] politica estera degli Stati Uniti, che non è di buon auspicio per l'uomo medio, la donna media, qui a casa loro".

"Finché, a un certo punto, [la gente] non dirà "basta"", questa situazione continuerà, ha sostenuto Oualaalou. "Abbiamo già superato quel punto. Qualcosa deve cambiare, punto".

Il co-conduttore Garland Nixon ha osservato che in Europa sono continuate le stesse azioni aggressive, nonostante il fallimento della NATO in Ucraina, notando i piani per lo stazionamento di truppe NATO nei Paesi dell'Europa orientale, tra cui Lituania, Moldavia e forse la stessa Ucraina.

"È ridicolo", ha esordito Oualaalou. "Per la Francia [pensare di] inviare le proprie truppe, saranno spazzate via dai russi in un pomeriggio. E lo stesso vale per il Regno Unito, che si limita ad abbaiare. Non ha alcun senso".

In precedenza, Oualaalou ha affrontato la notizia che gli Stati Uniti intendono inviare 138 milioni di dollari all'Ucraina per la riparazione dei suoi sistemi di difesa aerea Hawk.

"A cosa serviranno? Questa è la domanda fondamentale che gli statunitensi devono capire", ha chiesto Oualaalou. E quando si sentono le dichiarazioni del segretario generale della NATO [Jens] Stoltenberg, secondo cui nel caso in cui Trump vinca le elezioni, dobbiamo stanziare 100 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni". 100 miliardi di dollari per i prossimi cinque anni? L'Ucraina cesserà di esistere in cinque anni se continuano a questo ritmo", ha esclamato Oualaalou.

"Comincio a convincermi che i negoziati con i russi sono inevitabili. La domanda è quando avverrà", ha concluso.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti