Gli "intellettuali" e l'ennesimo appello per "l'Europa che non c'è": chi e' il vero populista?

Gli "intellettuali" e l'ennesimo appello per "l'Europa che non c'è": chi e' il vero populista?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Politici del calibro di Sandro Gozi e intellettuali come Roberto Saviano hanno lanciato un appello per salvare l'Europa dal populismo. Ma, questa volta, non si sono accontentati delle solite inutili lamentele per il "più Europa" , questa volta è diverso. I politici e intellettuali hanno lanciato una piattaforma perché, per loro ammissione, "come la Brexit, la vittoria di Trump ci ha colto di sopresa".



Tra una sopresa e l'altra, l'Unione europea "può morire" come ha ammesso il primo ministro francese. Ma non è solo questo. "Al rischio di disgregazione dell'Unione Europea, causato dalla Brexit, si aggiunge quello di un allontanamento progressivo tra gli Stati Uniti e l'Unione Europea e della fine del mondo costruito nel dopoguerra, basato sul multilateralismo e sulla leadership benevola degli Stati Uniti". Leadership "benevola" degli Stati Uniti? Definire benevola il ruolo guida del mondo degli Usa oggi creerebbe qualche sussulto di coscienza nello scriverlo anche allo stesso Dipartimento di stato nord-americano.

Ma quale la preoccupazione principale degli importanti intellettuali e politici? Non farsi cogliere più di sopresa per i prossimi "importanti referendum o elezioni che si terranno in Italia, Austria, Francia e Germania". "Ovunque i partiti moderati sono minacciati" è il grido di allarme. 

Stati Uniti d'Europa, "l'Europa del futuro deve avere il cittadino nel cuore" e rei confessi ammettono "non delle proprie elite" queste le parole d'ordine. Ma, dicevamo, questa volta non è solo vuota retorica renziana, questa volta c'è una piattaforma e una "tabella di marcia ambiziosa, concreta e pragmatica".

E le proposte sono "fortemente simboliche". Leggiamole.

"tra le nostre proposte ce ne sono alcune fortemente simboliche:

la creazione di un Erasmus degli studenti medi". Ora per medi non si sa se si intenda degli studenti di classe media o si voglia allargare il programma alla plebe studentesca. 

"un raddoppio immediato del piano Juncker per gli investimenti". Tanto 0 per 2 fa sempre 0.

e, infine, la gemma delle gemme "la creazione delle liste transnazionali per le prossime elezioni europee". Esattamente quello di cui sentiamo tutti un estremo bisogno.

Si danno appuntamento al 25 marzo a Roma i politici e intellettuali di questa ennesima inutile iniziativa che offre ancora il fianco al regime di Berlino, Bruxelles e Francoforte, principale responsabile della distruzione di diritti, Welfare e Costituzioni in tutta Europa.

Noi, invece, l'appuntamento ve lo diamo il 4 dicembre. Un N0 quel giorno è un NO a tutto questo. E se ci pensate è un NO ai veri populisti della nostra epoca, i firmatari di quest'appello, coloro che tentano di farvi credere che il continente Europa, la sua storia, la sua cultura e i suoi valori, coincidano con un mostro burocratico a beneficio degli interessi economico finanziari transnazionali, l’Unione Europea, o peggio ancora con una moneta, l’euro. 

Alessandro Bianchi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti