/ Gli USA avvertono Israele: L'Iran potrebbe vendicarsi nel caso di...

Gli USA avvertono Israele: L'Iran potrebbe vendicarsi nel caso di nuovi attacchi in Siria

 

Le dichiarazioni del capo dell'intelligence nazionale degli USA arrivano nel bel mezzo delle tensioni tra Israele e Iran per le continue incursioni aeree di Tel Aviv che hanno come obiettivo i presunti siti militari iraniani in Siria.


Nella relazione, Dan Coats, il direttore dell'intelligence nazionale degli USA, ha avvertito che l'Iran potrebbe probabilmente attaccare Israele se Tel Aviv andrà avanti con attacchi aerei su presunti bersagli iraniani in Siria.
 
"Valutiamo che l'Iran cerca di evitare un grave conflitto armato con Israele. Tuttavia, gli attacchi israeliani che provocano vittime iraniane aumentano la probabilità di rappresaglia convenzionale iraniana contro Israele", ha avvertito Coats.
 
Coats ha voluto giustificare che i presunti tentativi di Teheran di espandere il proprio peso in Siria hanno finora innescato i raid aerei israeliani:"L'Iran continua a perseguire basi militari permanenti e accordi economici in Siria e probabilmente vuole mantenere una rete di combattenti stranieri sciiti lì nonostante gli attacchi israeliani alle posizioni iraniane in Siria. Gli sforzi dell'Iran per consolidare la sua influenza in Siria e armare Hezbollah hanno causato gli attacchi aerei israeliani nel gennaio 2019 contro le postazioni iraniane in Siria e sottolineano la nostra crescente preoccupazione per l'influenza iraniana nella regione e il rischio che il conflitto si intensifichi."
 
Le osservazioni di Coats sembravano richiamare commenti simili fatti da funzionari israeliani, incluso il presidente Reuven Rivlin, che ha avvertito all'inizio di questa settimana di come l'Iran potrebbe "intensificare le sue risposte" agli attacchi dell'IDF contro la Siria.
 
Fonte: Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa