Gli Usa di Biden venderanno armi all'Arabia Saudita per 650 milioni di dollari

Gli Usa di Biden venderanno armi all'Arabia Saudita per 650 milioni di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mentre prosegue l'aggressione della cosiddetta coalizione a guida saudita contro lo Yemen, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha autorizzato ieri la vendita di 280 missili aria-aria AIM-120C a medio raggio e relative attrezzature per un valore stimato di 650 milioni di dollari alla monarchia saudita.

Questa è la prima vendita su larga scala di equipaggiamento militare all'Arabia Saudita da quando Joe Biden è entrato in carica. Questo mentre, a gennaio, il presidente Usa aveva annunciato di aver interrotto la vendita di molte armi offensive  al regno saudita.

A sua volta, un portavoce del Dipartimento di Stato ha riferito che il suddetto accordo è stato approvato lo scorso martedì 26 ottobre, poiché, a suo avviso, le vendite di missili aria-aria sono avvenute dopo “un aumento degli attacchi transfrontalieri contro l'Arabia Saudita nel passato anno".

Oltre ai missili aria-aria a medio raggio avanzati AIM-120C, il pacchetto include 596 lanciatori di missili ferroviari LAU-128 (MRL), insieme a contenitori e attrezzature di supporto, pezzi di ricambio, oltre a materiale tecnico e ingegneristico degli Stati Uniti.

Continuano le vendite militari statunitensi all'Arabia Saudita durante il sanguinoso assalto allo Yemen. Da quando Riad ha iniziato la sua campagna di bombardamenti nel marzo 2015, insieme ai suoi alleati regionali, i paesi occidentali, guidati da Stati Uniti e Regno Unito, non hanno smesso di vendere armi ai sauditi, che hanno ucciso migliaia di civili. Sanaa incolpa Washington per il prolungamento della guerra imposta contro la nazione yemenita.

Missili aria-aria a medio raggio AIM-120C

Il missile costruito dal gigante delle armi  Raytheon (Raytheon Technologies Corp.) è in grado di volare per 20 miglia (32 chilometri) e di colpire un bersaglio aereo oltre il raggio visivo di un pilota. Questo missile è stato venduto anche ad altri alleati degli Stati Uniti, come Qatar, Kuwait e Giordania.

Raytheon è considerato il secondo appaltatore militare al mondo e ha contribuito con 42 miliardi di dollari di entrate legate alla difesa degli Stati Uniti durante l'anno fiscale 2020, secondo quanto ha riferito Defense News .

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti