/ Gli USA invitano l'India ad annullare l'acquisto degli S-400 dall...

Gli USA invitano l'India ad annullare l'acquisto degli S-400 dalla Russia prima della visita di Pompeo

 

L'acquisizione dei sistemi di difesa russi dovrebbe essere annullata, insiste il Dipartimento di Stato, considerando che Washington ha adottato "grandi passi" per migliorare le relazioni militari con Nuova Delhi.


In quello che sembra essere una pausa nei loro tentativi di dissuadere la Turchia dal comprare il sistema di difesa aereo russo S-400, gli Stati Uniti d'America, ha reindirizzato gli sforzi per incitare l'India ad annullare l'acquisto di questi sistemi di difesa.
 
In particolare, Washington ha ricordato a New Delhi che ignorandoo questo suggerimento comporterebbe una possibile azione sotto la sua legge per contrastare avversari attraverso le sanzioni (CAATSA).
 
"Per quanto riguarda l'S-400, esorto tutti i nostri alleati e partner, tra cui India, a rinunciare a transazioni con la Russia, che corrono il rischio di innescare sanzioni CAATSA", ha annunciato, ieri, un portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti .
 
Il rappresentante diplomatico ha affermato che Washington ha intrapreso "grandi passi" per migliorare "l'interoperabilità militare" con New Delhi, comprese le offerte "senza precedenti" di armi statunitensi a cui nessun altro paese non alleato può accedere.
 
"Quindi credo che questo sia il momento in cui incoraggeremo l'India a cercare alternative", ha detto il portavoce alla vigilia della visita che il prossimo martedì condurrà il Segretario di Stato, Mike Pompeo, nel paese asiatico.
 
L'India e la Russia hanno firmato un accordo di acquisto-vendita S-400 nell'ottobre dello scorso anno.
In attesa di questo accordo, l'allora Ministro della Difesa dell'India, Nirmala Sitharaman, ha dichiarò che CAATSA "è una legge degli Stati Uniti e non dell'ONU".
 
Fonte: Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa